Altro

7 milioni di euro per il territorio novarese

7 milioni di euro per il territorio novarese
Altro 20 Dicembre 2015 ore 09:19

La Fondazione Cariplo nell'ambito del Bando Emblematici maggiori 2015 ha selezionato sei progetti in provincia di Novara per un ammontare totale di 7 milioni di euro di contributo per la loro realizzazione. I progetti emblematici sono iniziative capaci di rappresentare interventi di alto valore non solo economico, ma anche simbolico per il territorio del Novarese.
Ogni anno Fondazione Cariplo destina, a due province a rotazione, la somma 7.000.000 di euro, per il sostegno di iniziative di particolare importanza, una sorta di bonus che va ad aggiungersi alle risorse che normalmente la Fondazione destina al territorio con i bandi tradizionali.
Gli interventi emblematici si concretizzano in progetti caratterizzati da un alto grado di complessità organizzativa, strutturale ed economica, ed affrontano problemi specifici di un territorio, sperimentano politiche innovative in campo sociale, culturale, ambientale, scientifico ed economico. Mirano ad un cambiamento delle condizioni di vita delle persone, attraverso un processo di progettazione e sperimentazione, gestito congiuntamente con altri soggetti pubblici e privati. In questo senso, gli interventi emblematici rispondono ai requisiti di esemplarità per il territorio e di sussidiarietà di intervento.
Per l’anno in corso i territori interessati da questo “jolly” sono Cremona e Novara.
I progetti selezionati sono: "Servizi in rete per migliorare la disabilità" (1.000.000 di euro di contributo) del Consorzio Intercomunale Gestione Servizi socio-assistenziali di Borgomanero; "Parco tematico del paesaggio fluviale naturale, coltivato e costruito" (1.000.000 di euro) dell'Ente di gestione Aree Protette del Ticino e del Lago Maggiore di Cameri; "patologie neurologiche e qualità della vita" (500.000 euro) dell'Associazione Amici Neurochirurghia E. Geuna di Novara; "Il cuore verde di Novara. Costruzione del sistema dello spazio pubblico tra il Castello, il Parco dei Bambini e i Baluardi della città" (1.200.000 euro) del Comune di Novara; "Casa della Cooperazione Sociale" (1.300.000 euro) della Diocesi di Novara; infine altri 2 milioni di euro andranno all'Università del Piemonte Orientale per il recupero dei Padiglioni E (Biblioteca universitaria), F (Auditorium), L/Q (Alloggi custodi), M/N (servizi generali) e delle sistemazioni esterne pubbliche e universitarie per il completamento del nuovo Campus Universitario. 
“Questi progetti emblematici, ovvero straordinariamente importanti per la comunità, ci riempiono di soddisfazione poiché anche in questa occasione il territorio novarese ha dimostrato grande vivacità, nel mobilitarsi, proponendo idee e progetti – commenta il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti – La scelta non è stata facile; ci siamo attenuti a criteri rigorosi e abbiamo scelto progetti importanti e unici per il territorio. Siamo fortemente convinti che i progetti rappresentino iniziative di valore, ben costruite, coerenti con la mission della nostra Fondazione e condivise dalle comunità locali che le hanno proposte”.
“Abbiamo ritenuto di concentrarci - ha proseguito la novarese Mariella Enoc, vicepresidente della Fondazione - su progetti con una spiccata attinenza non solo al sociale, ma anche  all’ambiente e alla formazione, punti cardine dell’attività filantropica della nostra fondazione, in linea con l’idea di convogliare risorse ed energie verso i problemi delle persone, tra cui quel welfare di comunità a cui Fondazione Cariplo punta, come uno degli obiettivi principali dei prossimi anni. Grande attenzione anche alla distribuzione geografica; i progetti non sono andati solo al capoluogo. Siamo convinti dell’importanza e dell’attenzione che occorre dare a tutte le zone del nostro territorio”.
Il presidente della Fondazione Comunità del Novarese, Cesare Ponti, che ha collaborato con la Fondazione Cariplo come importante antenna dei bisogni sul territorio, ha concluso: “Fondazione Cariplo mette a disposizione risorse importanti che contribuiranno in maniera significativa  allo sviluppo, sociale e economico ed identitario del territorio novarese. 7 milioni di euro destinati alla realizzazione di 6 progetti innovativi e simbolici. Un elemento importante ha caratterizzato la volontà di Fondazione Cariplo di incidere in maniera tempestiva e concreta sulla crescita dei territori, in particolare del territorio Novarese: l’immediata cantierabilità dei progetti (avvio lavori entro sei mesi dalla data di comunicazione del contributo). Sono fiducioso che il Novarese saprà rispondere in maniera positiva alla opportunità offerta dalle Emblematiche Cariplo”.
"Nella valutazione dei progetti presentati si è tenuto conto di tutto il territorio novarese con una attenzione particolare al sociale, e a quegli interventi che garantiranno ricadute significative nel tempo, raggiungendo obiettivi chiari e misurabili - commenta il presidente della Provincia di Novara, Matteo Besozzi, che ha fatto parte del comitato di valutazione - La realizzazione di alcuni progetti rappresenterà un passaggio storico e importantissimo per il nostro territorio, come il completamento del Campus universitario e la realizzazione della Casa della cooperazione sociale. Il contributo straordinario di 7 milioni di euro sui progetti emblematici va ad aggiungersi alle risorse che Fondazione Cariplo destina al territorio attraverso i bandi ordinari, che costituiscono un sostegno determinante alla crescita di numerosi progetti e attività".

La Fondazione Cariplo nell'ambito del Bando Emblematici maggiori 2015 ha selezionato sei progetti in provincia di Novara per un ammontare totale di 7 milioni di euro di contributo per la loro realizzazione. I progetti emblematici sono iniziative capaci di rappresentare interventi di alto valore non solo economico, ma anche simbolico per il territorio del Novarese.
Ogni anno Fondazione Cariplo destina, a due province a rotazione, la somma 7.000.000 di euro, per il sostegno di iniziative di particolare importanza, una sorta di bonus che va ad aggiungersi alle risorse che normalmente la Fondazione destina al territorio con i bandi tradizionali.
Gli interventi emblematici si concretizzano in progetti caratterizzati da un alto grado di complessità organizzativa, strutturale ed economica, ed affrontano problemi specifici di un territorio, sperimentano politiche innovative in campo sociale, culturale, ambientale, scientifico ed economico. Mirano ad un cambiamento delle condizioni di vita delle persone, attraverso un processo di progettazione e sperimentazione, gestito congiuntamente con altri soggetti pubblici e privati. In questo senso, gli interventi emblematici rispondono ai requisiti di esemplarità per il territorio e di sussidiarietà di intervento.
Per l’anno in corso i territori interessati da questo “jolly” sono Cremona e Novara.
I progetti selezionati sono: "Servizi in rete per migliorare la disabilità" (1.000.000 di euro di contributo) del Consorzio Intercomunale Gestione Servizi socio-assistenziali di Borgomanero; "Parco tematico del paesaggio fluviale naturale, coltivato e costruito" (1.000.000 di euro) dell'Ente di gestione Aree Protette del Ticino e del Lago Maggiore di Cameri; "patologie neurologiche e qualità della vita" (500.000 euro) dell'Associazione Amici Neurochirurghia E. Geuna di Novara; "Il cuore verde di Novara. Costruzione del sistema dello spazio pubblico tra il Castello, il Parco dei Bambini e i Baluardi della città" (1.200.000 euro) del Comune di Novara; "Casa della Cooperazione Sociale" (1.300.000 euro) della Diocesi di Novara; infine altri 2 milioni di euro andranno all'Università del Piemonte Orientale per il recupero dei Padiglioni E (Biblioteca universitaria), F (Auditorium), L/Q (Alloggi custodi), M/N (servizi generali) e delle sistemazioni esterne pubbliche e universitarie per il completamento del nuovo Campus Universitario. 
“Questi progetti emblematici, ovvero straordinariamente importanti per la comunità, ci riempiono di soddisfazione poiché anche in questa occasione il territorio novarese ha dimostrato grande vivacità, nel mobilitarsi, proponendo idee e progetti – commenta il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti – La scelta non è stata facile; ci siamo attenuti a criteri rigorosi e abbiamo scelto progetti importanti e unici per il territorio. Siamo fortemente convinti che i progetti rappresentino iniziative di valore, ben costruite, coerenti con la mission della nostra Fondazione e condivise dalle comunità locali che le hanno proposte”.
“Abbiamo ritenuto di concentrarci - ha proseguito la novarese Mariella Enoc, vicepresidente della Fondazione - su progetti con una spiccata attinenza non solo al sociale, ma anche  all’ambiente e alla formazione, punti cardine dell’attività filantropica della nostra fondazione, in linea con l’idea di convogliare risorse ed energie verso i problemi delle persone, tra cui quel welfare di comunità a cui Fondazione Cariplo punta, come uno degli obiettivi principali dei prossimi anni. Grande attenzione anche alla distribuzione geografica; i progetti non sono andati solo al capoluogo. Siamo convinti dell’importanza e dell’attenzione che occorre dare a tutte le zone del nostro territorio”.
Il presidente della Fondazione Comunità del Novarese, Cesare Ponti, che ha collaborato con la Fondazione Cariplo come importante antenna dei bisogni sul territorio, ha concluso: “Fondazione Cariplo mette a disposizione risorse importanti che contribuiranno in maniera significativa  allo sviluppo, sociale e economico ed identitario del territorio novarese. 7 milioni di euro destinati alla realizzazione di 6 progetti innovativi e simbolici. Un elemento importante ha caratterizzato la volontà di Fondazione Cariplo di incidere in maniera tempestiva e concreta sulla crescita dei territori, in particolare del territorio Novarese: l’immediata cantierabilità dei progetti (avvio lavori entro sei mesi dalla data di comunicazione del contributo). Sono fiducioso che il Novarese saprà rispondere in maniera positiva alla opportunità offerta dalle Emblematiche Cariplo”.
"Nella valutazione dei progetti presentati si è tenuto conto di tutto il territorio novarese con una attenzione particolare al sociale, e a quegli interventi che garantiranno ricadute significative nel tempo, raggiungendo obiettivi chiari e misurabili - commenta il presidente della Provincia di Novara, Matteo Besozzi, che ha fatto parte del comitato di valutazione - La realizzazione di alcuni progetti rappresenterà un passaggio storico e importantissimo per il nostro territorio, come il completamento del Campus universitario e la realizzazione della Casa della cooperazione sociale. Il contributo straordinario di 7 milioni di euro sui progetti emblematici va ad aggiungersi alle risorse che Fondazione Cariplo destina al territorio attraverso i bandi ordinari, che costituiscono un sostegno determinante alla crescita di numerosi progetti e attività".
v.s.