Altro

“Accresciamo il Fondo per la libertà e la dignità di ogni donna”

“Accresciamo il Fondo per la libertà e la dignità di ogni donna”
Altro 21 Novembre 2015 ore 08:22

NOVARA - In occasione della celebrazione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, che ricorre mercoledì 25 novembre, Liberazione e Speranza onlus, l’associazione attiva dal 2000 nel trarre in salvo persone vittima di tratta a scopo di sfruttamento sessuale, fa un appello a tutti coloro (istituzioni, associazioni, privati cittadini) che desiderano concretamente contribuire a tutelare “la liberta e la dignità di ogni donna”.

L’appello è quello ad accrescere finanziariamente il Fondo per la libertà e la dignità di ogni donna, costituito nel marzo 2014 all’interno della Fondazione della Comunità del Novarese onlus. “Un Fondo – spiegano dall’associazione – che sino a oggi è intervenuto per sostenere un significativo numero di donne”.

Il Fondo è dedicato alla memoria di Joy, Bruna, Lea, a tutte le vittime della violenza di genere, e al coraggio di Denise. Joy, nigeriana, trovata cadavere nel fiume Agogna a Novara il 26 settembre 2011. Bruna, transessuale brasiliana, uccisa a Novara nella notte tra il 27 e il 28 febbraio 2012. Lea, italiana e testimone di giustizia, assassinata a Milano dalla ‘ndrangheta il 24 novembre 2009. Denise, testimone di giustizia, figlia di Lea Garofalo, che coraggiosamente ne porta avanti la memoria. Grazie al Fondo, Joy, Bruna, Lea e tutte le donne vittime della violenza di genere non saranno dimenticate. Così come non sarà dimenticata Denise e le donne che, come lei, hanno il coraggio di ribellarsi e di contrastare le organizzazioni criminali dedite al vilipendio dei diritti e della dignità della donna.

Obiettivo del Fondo è quello di sostenere finanziariamente progetti volti al reinserimento socio-lavorativo delle vittime di violenza di genere, violenza domestica, tratta, sfruttamento, riduzione in schiavitù, mafia e ‘ndrangheta, o comunque di donne in difficoltà. I progetti possono essere promossi da istituzioni ed enti del privato sociale operanti nell’ambito della tutela della dignità delle donne. Associazione capofila per gli interventi è Liberazione e Speranza.

mo.c.

 


NOVARA - In occasione della celebrazione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, che ricorre mercoledì 25 novembre, Liberazione e Speranza onlus, l’associazione attiva dal 2000 nel trarre in salvo persone vittima di tratta a scopo di sfruttamento sessuale, fa un appello a tutti coloro (istituzioni, associazioni, privati cittadini) che desiderano concretamente contribuire a tutelare “la liberta e la dignità di ogni donna”.

L’appello è quello ad accrescere finanziariamente il Fondo per la libertà e la dignità di ogni donna, costituito nel marzo 2014 all’interno della Fondazione della Comunità del Novarese onlus. “Un Fondo – spiegano dall’associazione – che sino a oggi è intervenuto per sostenere un significativo numero di donne”.

Il Fondo è dedicato alla memoria di Joy, Bruna, Lea, a tutte le vittime della violenza di genere, e al coraggio di Denise. Joy, nigeriana, trovata cadavere nel fiume Agogna a Novara il 26 settembre 2011. Bruna, transessuale brasiliana, uccisa a Novara nella notte tra il 27 e il 28 febbraio 2012. Lea, italiana e testimone di giustizia, assassinata a Milano dalla ‘ndrangheta il 24 novembre 2009. Denise, testimone di giustizia, figlia di Lea Garofalo, che coraggiosamente ne porta avanti la memoria. Grazie al Fondo, Joy, Bruna, Lea e tutte le donne vittime della violenza di genere non saranno dimenticate. Così come non sarà dimenticata Denise e le donne che, come lei, hanno il coraggio di ribellarsi e di contrastare le organizzazioni criminali dedite al vilipendio dei diritti e della dignità della donna.

Obiettivo del Fondo è quello di sostenere finanziariamente progetti volti al reinserimento socio-lavorativo delle vittime di violenza di genere, violenza domestica, tratta, sfruttamento, riduzione in schiavitù, mafia e ‘ndrangheta, o comunque di donne in difficoltà. I progetti possono essere promossi da istituzioni ed enti del privato sociale operanti nell’ambito della tutela della dignità delle donne. Associazione capofila per gli interventi è Liberazione e Speranza.

mo.c.