Al programma Rai Elisir il dottor Campanini dell’ospedale di Novara

Al programma Rai Elisir il dottor Campanini dell’ospedale di Novara
Altro 19 Maggio 2015 ore 09:04

NOVARA - Il dottor Mauro Campanini, direttore del dipartimento medico dell’Azienda ospedaliero-universitaria Maggiore della Carità di Novara e attuale presidente nazionale di Fadoi (Federazione delle associazioni dei dirigenti ospedalieri internisti), lunedì 18 maggio è stato ospite della nota trasmissione televisiva di Rai 3 su salute e benessere “Elisir”, condotta da Michele Mirabella.

In collegamento da Milano il dottor Campanini è intervenuto  per illustrare il concetto di “Slow Medicine” la cosiddetta “medicina lenta” che, recuperando la tradizione del passato,  promuove un nuovo approccio al paziente ponendolo al centro del percorso clinico. 

La Slow medicine è una rete di  professionisti che si riconoscono nei principi di una medicina sobria, rispettosa, giusta,  tre aggettivi  che sintetizzano un concetto di cura basato sulla sostenibilità, sull'equità, sull'attenzione alla persona e all'ambiente. E’ una medicina che promuove  un approccio sistemico alla salute, che agisce  con moderazione, equilibrio e senso del limite, che cura l’ascolto e la comunicazione con il paziente tenendo conto delle esigenze e dei valori della persona, nonché del contesto di  riferimento, che promuove cure efficaci e appropriate evitando abusi e sprechi. Infatti l'idea che i sostenitori della slow medicine condividono è che cure appropriate e di buona qualità e un'adeguata comunicazione fra le persone riducano i costi dell'organizzazione sanitaria e gli sprechi, promuovano l'appropriatezza d'uso delle risorse disponibili, la sostenibilità e l'equità dei sistemi sanitari.

Il dottor Campanini sarà inoltre a Uno Mattina, sempre in Rai, il 25 maggio. Sarà presente per promuovere la prima giornata italiana della Medicina Interna che si svolgerà in una piazza delle principali città italiane. La giornata è dedicata alla sindrome metabolica ed è stata denominata "Un metro per la vita".

mo.c.


NOVARA - Il dottor Mauro Campanini, direttore del dipartimento medico dell’Azienda ospedaliero-universitaria Maggiore della Carità di Novara e attuale presidente nazionale di Fadoi (Federazione delle associazioni dei dirigenti ospedalieri internisti), lunedì 18 maggio è stato ospite della nota trasmissione televisiva di Rai 3 su salute e benessere “Elisir”, condotta da Michele Mirabella.

In collegamento da Milano il dottor Campanini è intervenuto  per illustrare il concetto di “Slow Medicine” la cosiddetta “medicina lenta” che, recuperando la tradizione del passato,  promuove un nuovo approccio al paziente ponendolo al centro del percorso clinico. 

La Slow medicine è una rete di  professionisti che si riconoscono nei principi di una medicina sobria, rispettosa, giusta,  tre aggettivi  che sintetizzano un concetto di cura basato sulla sostenibilità, sull'equità, sull'attenzione alla persona e all'ambiente. E’ una medicina che promuove  un approccio sistemico alla salute, che agisce  con moderazione, equilibrio e senso del limite, che cura l’ascolto e la comunicazione con il paziente tenendo conto delle esigenze e dei valori della persona, nonché del contesto di  riferimento, che promuove cure efficaci e appropriate evitando abusi e sprechi. Infatti l'idea che i sostenitori della slow medicine condividono è che cure appropriate e di buona qualità e un'adeguata comunicazione fra le persone riducano i costi dell'organizzazione sanitaria e gli sprechi, promuovano l'appropriatezza d'uso delle risorse disponibili, la sostenibilità e l'equità dei sistemi sanitari.

Il dottor Campanini sarà inoltre a Uno Mattina, sempre in Rai, il 25 maggio. Sarà presente per promuovere la prima giornata italiana della Medicina Interna che si svolgerà in una piazza delle principali città italiane. La giornata è dedicata alla sindrome metabolica ed è stata denominata "Un metro per la vita".

mo.c.