Altro

Al via il progetto "Intercultura, ricchezza per Novara"

Al via il progetto "Intercultura, ricchezza per Novara"
Altro Novara, 17 Febbraio 2016 ore 09:05

NOVARA - Una serie di incontri per avvicinarsi alle diverse culture delle comunità che vivono a Novara, "una vera e propria ricchezza per la nostra città". E' questo in sintesi il progetto sviluppato dall’associazione Ri-Nascita insieme alle comunità straniere del territorio, al Comune di Novara e grazie al contributo della Fondazione della Banca Popolare di Novara per il Territorio. Gli eventi sono musicali-culturali e verranno coinvolti gli esponenti di associazioni o di organizzazioni che rappresentano le comunità degli immigrati. Ogni singolo evento sarà strutturato in tre parti: in primo luogo un concerto di musica folk-etnico o world music eseguito da artisti scelti da ciascuna comunità, quindi la presentazione del cortometraggio e delle fotografie con testimonianze dei rappresentanti delle comunità, scambi e dialogo con il pubblico, infine la fase di conoscenza attraverso un momento di convivialità con un aperitivo a base di prodotti tipici delle diverse culture. 

La prima serata si svolgerà sabato 20 febbraio al Piccolo Coccia di Piazza Martiri, dalle 19.30 ed è dedicata alla comunità albanese. Prevede una performance di balli etnici, la proiezione di un video a cura della giornalista Valentina Sarmenghi e una mostra fotografica della Società Fotografica novarese. Alla realizzazione di questo appuntamento partecipa Ura (associazione italo albanese di Novara), Scanderbeg (associazione albanese a Parma) e Scanderbeg Danza. Il successivo incontro è previsto il 12 marzo e sarà dedicato alla comunità senegalese, chiuderà il ciclo la comunità marocchina il 21 maggio.

“La collaborazione che abbiamo instaurato con queste associazioni culturali – dice l’assessore alla Cultura Paola Turchelli- è il frutto di esigenze nate in città. E’ molto bello che si sia sviluppata questa dinamica e davvero sento di ringraziare per la disponibilità”.
“Questo tipo di iniziativa –prosegue Turchelli- ha un alto valore civile e sociale e testimonia il dialogo che esiste ed è aperto con le comunità presenti sul territorio: un segno importante nel momento storico che stiamo vivendo”.
L’entrata alle serate è a offerta libera, per informazioni e prenotazioni si può scrivere a rinascitafenalc@gmail.com oppure telefonare al 334 6647702.

NOVARA - Una serie di incontri per avvicinarsi alle diverse culture delle comunità che vivono a Novara, "una vera e propria ricchezza per la nostra città". E' questo in sintesi il progetto sviluppato dall’associazione Ri-Nascita insieme alle comunità straniere del territorio, al Comune di Novara e grazie al contributo della Fondazione della Banca Popolare di Novara per il Territorio. Gli eventi sono musicali-culturali e verranno coinvolti gli esponenti di associazioni o di organizzazioni che rappresentano le comunità degli immigrati. Ogni singolo evento sarà strutturato in tre parti: in primo luogo un concerto di musica folk-etnico o world music eseguito da artisti scelti da ciascuna comunità, quindi la presentazione del cortometraggio e delle fotografie con testimonianze dei rappresentanti delle comunità, scambi e dialogo con il pubblico, infine la fase di conoscenza attraverso un momento di convivialità con un aperitivo a base di prodotti tipici delle diverse culture. 

La prima serata si svolgerà sabato 20 febbraio al Piccolo Coccia di Piazza Martiri, dalle 19.30 ed è dedicata alla comunità albanese. Prevede una performance di balli etnici, la proiezione di un video a cura della giornalista Valentina Sarmenghi e una mostra fotografica della Società Fotografica novarese. Alla realizzazione di questo appuntamento partecipa Ura (associazione italo albanese di Novara), Scanderbeg (associazione albanese a Parma) e Scanderbeg Danza. Il successivo incontro è previsto il 12 marzo e sarà dedicato alla comunità senegalese, chiuderà il ciclo la comunità marocchina il 21 maggio.

“La collaborazione che abbiamo instaurato con queste associazioni culturali – dice l’assessore alla Cultura Paola Turchelli- è il frutto di esigenze nate in città. E’ molto bello che si sia sviluppata questa dinamica e davvero sento di ringraziare per la disponibilità”.
“Questo tipo di iniziativa –prosegue Turchelli- ha un alto valore civile e sociale e testimonia il dialogo che esiste ed è aperto con le comunità presenti sul territorio: un segno importante nel momento storico che stiamo vivendo”.
L’entrata alle serate è a offerta libera, per informazioni e prenotazioni si può scrivere a rinascitafenalc@gmail.com oppure telefonare al 334 6647702.

Seguici sui nostri canali