Anche gli scout a favore del progetto contro la violenza sulle donne che vede capofila Liberazione e Speranza

Anche gli scout a favore del progetto contro la violenza sulle donne che vede capofila Liberazione e Speranza
Altro 24 Febbraio 2015 ore 02:33

NOVARA - Sabato 21 e domenica 22 febbraio anche i gruppi scout di Novara hanno celebrato la “giornata del pensiero”. Rinnovando una tradizione che risale al 1926, ragazze e ragazzi, piccoli e grandi, guide e scout hanno festeggiato il compleanno di Olave e Baden Powell, i fondatori del movimento educativo scout. 

Secondo un percorso proposto dall’Organizzazione Mondiale degli Scout, e che dura da diversi anni, il tema della giornata del pensiero di quest’anno ha riguardato l’ottavo Obiettivo di Sviluppo del Millennio: “Sviluppare una partnership globale per lo sviluppo”. Finalità della giornata del pensiero 2015: rendere capaci ragazze e ragazzi scout di sviluppare appieno le loro potenzialità per essere cittadine e cittadini del mondo responsabili. 

NOVARA - Sabato 21 e domenica 22 febbraio anche i gruppi scout di Novara hanno celebrato la “giornata del pensiero”. Rinnovando una tradizione che risale al 1926, ragazze e ragazzi, piccoli e grandi, guide e scout hanno festeggiato il compleanno di Olave e Baden Powell, i fondatori del movimento educativo scout. 

Secondo un percorso proposto dall’Organizzazione Mondiale degli Scout, e che dura da diversi anni, il tema della giornata del pensiero di quest’anno ha riguardato l’ottavo Obiettivo di Sviluppo del Millennio: “Sviluppare una partnership globale per lo sviluppo”. Finalità della giornata del pensiero 2015: rendere capaci ragazze e ragazzi scout di sviluppare appieno le loro potenzialità per essere cittadine e cittadini del mondo responsabili. 

L’evento, a Novara, si è caratterizzato con una emblematica scelta di valenza educativa e sociale: offrire agli scout e alle loro famiglie la possibilità di riflettere sulla tratta degli esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale e sul fenomeno inquietante della violenza alle donne che spesso si consuma in ambito famigliare. L’iniziativa si è concretizzata anche con la raccolta di fondi da destinare al progetto “Trecentosessantacinquevolteno” in corso di realizzazione a Novara per sostenere donne e ragazze vittime di violenza e grave sfruttamento.

L’associazione “Liberazione e speranza-Onlus”, capofila del progetto, ringrazia, in una nota stampa, i gruppi scout Agesci Novara 6 e Novara 13 - piccoli, adolescenti, grandi e capi (e rispettive famiglie) – che già in passato avevano dimostrato e testimoniato una particolare sensibilità nei confronti dell’attività svolta dalla stessa associazione operante a Novara dall’anno 2000.

mo.c.