Bene il check-up offerto da Uici per la Settimana Mondiale del Glaucoma

Bene il check-up offerto da Uici per la Settimana Mondiale del Glaucoma
Altro 15 Marzo 2015 ore 02:48

NOVARA – Grande successo per l’iniziativa organizzata dalla sezione novarese dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti nell’ambito della Settimana Mondiale del Glaucoma.
Tantissimi novaresi si sono sottoposti al controllo gratuito del nervo ottico nel gazebo allestito in Piazza Puccini, in collaborazione con il reparto di oculistica dell’Ospedale Maggiore di Novara. “Abbiamo distribuito centinaia di volantini informativi e siamo riusciti a richiamare l’attenzione dei cittadini e delle autorità - spiega il presidente dell’Uici, novarese, Pasquale Gallo -  ringrazio in particolar modo il prefetto Francesco Castaldo, che ha portato il suo saluto in apertura di giornata”.
Il glaucoma è la seconda causa di cecità dopo la cataratta ed è considerato “il ladro silenzioso della vista”, in quanto può colpire senza dare alcun sintomo. Da qui l’importanza della prevenzione, dato che la patologia affligge già un milione di italiani. “Un ringraziamento particolare va alla dottoressa Antonella Clemente, dirigente medico della Clinica Oculistica del Maggiore - conclude Pasquale Gallo - grazie a lei tantissimi novaresi hanno potuto sottoporsi al controllo”.

mo.c.

 

NOVARA – Grande successo per l’iniziativa organizzata dalla sezione novarese dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti nell’ambito della Settimana Mondiale del Glaucoma.
Tantissimi novaresi si sono sottoposti al controllo gratuito del nervo ottico nel gazebo allestito in Piazza Puccini, in collaborazione con il reparto di oculistica dell’Ospedale Maggiore di Novara. “Abbiamo distribuito centinaia di volantini informativi e siamo riusciti a richiamare l’attenzione dei cittadini e delle autorità - spiega il presidente dell’Uici, novarese, Pasquale Gallo -  ringrazio in particolar modo il prefetto Francesco Castaldo, che ha portato il suo saluto in apertura di giornata”.
Il glaucoma è la seconda causa di cecità dopo la cataratta ed è considerato “il ladro silenzioso della vista”, in quanto può colpire senza dare alcun sintomo. Da qui l’importanza della prevenzione, dato che la patologia affligge già un milione di italiani. “Un ringraziamento particolare va alla dottoressa Antonella Clemente, dirigente medico della Clinica Oculistica del Maggiore - conclude Pasquale Gallo - grazie a lei tantissimi novaresi hanno potuto sottoporsi al controllo”.

mo.c.