Altro

“Crescere in Digitale” arriva a Novara

“Crescere in Digitale” arriva a Novara
Altro 12 Aprile 2016 ore 21:59

NOVARA - Entra nel vivo anche a Novara “Crescere in Digitale”, l’iniziativa realizzata da Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Google e Unioncamere per diffondere le competenze digitali tra i giovani e avvicinare al web le imprese italiane. ll progetto, lanciato a inizio settembre con l’avvio della piattaforma www.crescereindigitale.it,  si rivolge ai giovani NEET (not engaged in education, employment or training), ossia a quelli che non studiano e non lavorano, iscritti al programma “Garanzia Giovani”: a loro viene offerto un percorso di formazione articolato in 50 ore di training online, laboratori sul territorio e oltre 3000 tirocini rimborsati nelle imprese italiane. 
La Camera di Commercio di Novara ha ospitato un laboratorio formativo a cui hanno partecipato 6 aziende e 4 giovani. I laboratori rappresentano la prima occasione di contatto tra le imprese del territorio che si sono iscritte a “Crescere in digitale” e i giovani che hanno completato la formazione online, superando un apposito test, ai quali viene data l’opportunità di conoscere i protagonisti dell’imprenditoria locale o di seguire delle sessioni di formazione per l’autoimpiego.
«I dati del Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro confermano che le competenze digitali sono sempre più essenziali per le imprese – commenta Cristina D’Ercole, segretario generale delle Camera di Commercio di Novara – tanto è vero che nel corso del 2015 sono state oltre 47mila le previsioni di assunzione formulate a livello nazionale per figure con questo tipo di professionalità. L’esigenza di una maggiore digitalizzazione è avvertita anche dalle imprese novaresi, spesso non pienamente consapevoli delle potenzialità dei nuovi strumenti, e che per questo stiamo supportando ormai da alcuni anni attraverso iniziative mirate che prevedono percorsi di assistenza e formazione gratuita».
Una richiesta che dà soprattutto alla generazione dei millennials (18-34 anni) una chance in più di trovare lavoro. Sempre secondo i dati Excelsior ai giovani under 30 professionisti del digitale si rivolgono due assunzioni su cinque. Per oltre il 60% delle figure professionali richieste è necessaria un’esperienza specifica. Ma la difficoltà di reperimento dei giusti candidati in possesso di competenze digitali si rivela mediamente più elevata rispetto a quella delle altre professioni (16% contro il 10,1%).
v.s.

NOVARA - Entra nel vivo anche a Novara “Crescere in Digitale”, l’iniziativa realizzata da Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Google e Unioncamere per diffondere le competenze digitali tra i giovani e avvicinare al web le imprese italiane. ll progetto, lanciato a inizio settembre con l’avvio della piattaforma www.crescereindigitale.it,  si rivolge ai giovani NEET (not engaged in education, employment or training), ossia a quelli che non studiano e non lavorano, iscritti al programma “Garanzia Giovani”: a loro viene offerto un percorso di formazione articolato in 50 ore di training online, laboratori sul territorio e oltre 3000 tirocini rimborsati nelle imprese italiane. 
La Camera di Commercio di Novara ha ospitato un laboratorio formativo a cui hanno partecipato 6 aziende e 4 giovani. I laboratori rappresentano la prima occasione di contatto tra le imprese del territorio che si sono iscritte a “Crescere in digitale” e i giovani che hanno completato la formazione online, superando un apposito test, ai quali viene data l’opportunità di conoscere i protagonisti dell’imprenditoria locale o di seguire delle sessioni di formazione per l’autoimpiego.
«I dati del Sistema Informativo Excelsior di Unioncamere e Ministero del Lavoro confermano che le competenze digitali sono sempre più essenziali per le imprese – commenta Cristina D’Ercole, segretario generale delle Camera di Commercio di Novara – tanto è vero che nel corso del 2015 sono state oltre 47mila le previsioni di assunzione formulate a livello nazionale per figure con questo tipo di professionalità. L’esigenza di una maggiore digitalizzazione è avvertita anche dalle imprese novaresi, spesso non pienamente consapevoli delle potenzialità dei nuovi strumenti, e che per questo stiamo supportando ormai da alcuni anni attraverso iniziative mirate che prevedono percorsi di assistenza e formazione gratuita».
Una richiesta che dà soprattutto alla generazione dei millennials (18-34 anni) una chance in più di trovare lavoro. Sempre secondo i dati Excelsior ai giovani under 30 professionisti del digitale si rivolgono due assunzioni su cinque. Per oltre il 60% delle figure professionali richieste è necessaria un’esperienza specifica. Ma la difficoltà di reperimento dei giusti candidati in possesso di competenze digitali si rivela mediamente più elevata rispetto a quella delle altre professioni (16% contro il 10,1%).
v.s.