Altro

Danza e architettura. A Casa Bossi

Danza e architettura. A Casa Bossi
Altro 17 Novembre 2015 ore 20:26

Un video girato a Casa Bossi e ora in gara a un concorso nazionale. COORPI Coordinamento Danza Piemonte ha selezionato il video “Stillnext” per il contest nazionale “La danza in un minuto”. La regia è di Vanni Vallino, interpreti e ideatrici sono Chiara Silvestri, novarese, e Lucia Moretti, torinese. 

È possibile votare online inserendo la propria mail nella pagina del sito del concorso: http://coorpi.org/staticpages/index.php/ldium. Per dare il voto a Silvestri e Moretti occorre selezionare il video 31. Si può votare più di un video, ma è consentito votare una sola volta ciascuno di essi. Per confermare il voto si deve cliccare sul testo di conferma nella mail che si riceverà. Tra le mura scrostate dell’edificio antonelliano, tra gli ambienti ancora di grande suggestione si muovono i passi di danza di Chiara (nel suo curriculum molte esperienze che le hanno permesso di approfondire i linguaggi contemporanei e la ricerca nel campo del movimento con grandi maestri e danzatori, sia in Italia che all’estero) e Lucia (a Torino, dove attualmente studia presso la Nuova Officina della Danza con artisti di fama internazionale, ha incontrato Chiara Silvestri) si fondono con quelle stanze che “parlano” ancora una volta. «Da tempo – spiega Chiara Silvestri – collaboro con Lucia. L’occasione del concorso ci ha portate a lavorare con la parte video dei nostri progetti. Abbiamo subito capito che dall’incontro con Vallino e Casa Bossi sarebbe potuto nascere qualcosa di bello, unendo danza e architettura attraverso il linguaggio del video. Nella sua costruzione siamo partiti dalla casa: i movimenti sono stati studiati in relazione dello spazio, in stretta connessione con quelli esistenti e alla ricerca di ulteriori spazi in un discorso di cornici. Esplorando le infinite possibilità intorno a noi, possiamo scorgere sempre nuove aperture, nuovi punti di vista. Sta a ognuno scegliere quali. E rimarranno tracce di ciò che è stato anche nel vuoto e nella quiete. Il titolo del video, Stillnext, è un gioco di parole tra stillness e next e richiama il significato del nostro lavoro, realizzato in uno spazio che è abbandonato ma che continua a emanare energia: essendo ancora in movimento nonostante la quiete viene spontaneo domandarsi che cosa rimanga nonostante l’abbandono e che cosa possa venire dopo». Una occasione, questa, per dare ancora visibilità a Casa Bossi e ai suoi progetti di rinascita.

Eleonora Groppetti

Un video girato a Casa Bossi e ora in gara a un concorso nazionale. COORPI Coordinamento Danza Piemonte ha selezionato il video “Stillnext” per il contest nazionale “La danza in un minuto”. La regia è di Vanni Vallino, interpreti e ideatrici sono Chiara Silvestri, novarese, e Lucia Moretti, torinese. 

È possibile votare online inserendo la propria mail nella pagina del sito del concorso: http://coorpi.org/staticpages/index.php/ldium. Per dare il voto a Silvestri e Moretti occorre selezionare il video 31. Si può votare più di un video, ma è consentito votare una sola volta ciascuno di essi. Per confermare il voto si deve cliccare sul testo di conferma nella mail che si riceverà. Tra le mura scrostate dell’edificio antonelliano, tra gli ambienti ancora di grande suggestione si muovono i passi di danza di Chiara (nel suo curriculum molte esperienze che le hanno permesso di approfondire i linguaggi contemporanei e la ricerca nel campo del movimento con grandi maestri e danzatori, sia in Italia che all’estero) e Lucia (a Torino, dove attualmente studia presso la Nuova Officina della Danza con artisti di fama internazionale, ha incontrato Chiara Silvestri) si fondono con quelle stanze che “parlano” ancora una volta. «Da tempo – spiega Chiara Silvestri – collaboro con Lucia. L’occasione del concorso ci ha portate a lavorare con la parte video dei nostri progetti. Abbiamo subito capito che dall’incontro con Vallino e Casa Bossi sarebbe potuto nascere qualcosa di bello, unendo danza e architettura attraverso il linguaggio del video. Nella sua costruzione siamo partiti dalla casa: i movimenti sono stati studiati in relazione dello spazio, in stretta connessione con quelli esistenti e alla ricerca di ulteriori spazi in un discorso di cornici. Esplorando le infinite possibilità intorno a noi, possiamo scorgere sempre nuove aperture, nuovi punti di vista. Sta a ognuno scegliere quali. E rimarranno tracce di ciò che è stato anche nel vuoto e nella quiete. Il titolo del video, Stillnext, è un gioco di parole tra stillness e next e richiama il significato del nostro lavoro, realizzato in uno spazio che è abbandonato ma che continua a emanare energia: essendo ancora in movimento nonostante la quiete viene spontaneo domandarsi che cosa rimanga nonostante l’abbandono e che cosa possa venire dopo». Una occasione, questa, per dare ancora visibilità a Casa Bossi e ai suoi progetti di rinascita.

Eleonora Groppetti