Detenuti al lavoro Parco delle Ranocchie

Detenuti al lavoro Parco delle Ranocchie
Altro 13 Aprile 2016 ore 14:28

NOVARA - La “Giornata di recupero del patrimonio ambientale” mediante l’impiego di detenuti oggi, mercoledì 13 aprile, ha interessato il Parco delle Ranocchie nel quartiere di Lumellogno.
I nove detenuti, usciti in permesso premio dalla Casa Circondariale sulla base del protocollo di intesa sottoscritto da Comune, Carcere, Magistrato di sorveglianza, Uepe Ufficio esecuzioni penali esterne, Atc e Assa, accompagnati dagli agenti della Polizia Penitenziaria che svolgono con alta professionalità la loro funzione di garanzia di sicurezza, sia per chi lavoro sia per il regolare svolgimento dell’attività, e si impegnano anche nel vigilare sulla viabilità e sul rispetto delle aree mentre le operazioni manutentive sono in corso, hanno ripristinato la recinzione che era ormai pericolosa e cadente, hanno provveduto alla mondatura delle aiuole ad arbusti che erano completamente invase da infestanti e al taglio dell’erba di tutto il parco, hanno raccolto il sedimento stratificato di foglie, hanno riparazione arredi e giochi provvedendo anche al trattamento con prodotto protettivo di quelli in legno, hanno rimosso le scritte volgari che campeggiavano sui giochi,
Come sempre i detenuti hanno prestato la loro attività come volontari, con il coordinamento tecnico e il supporto logistico e operativo di Assa a cui hanno collaborato anche i detenuti attualmente inseriti in azienda come “cantieristi lavoro” ai sensi della legge 34/2008.
v.s.

NOVARA - La “Giornata di recupero del patrimonio ambientale” mediante l’impiego di detenuti oggi, mercoledì 13 aprile, ha interessato il Parco delle Ranocchie nel quartiere di Lumellogno.
I nove detenuti, usciti in permesso premio dalla Casa Circondariale sulla base del protocollo di intesa sottoscritto da Comune, Carcere, Magistrato di sorveglianza, Uepe Ufficio esecuzioni penali esterne, Atc e Assa, accompagnati dagli agenti della Polizia Penitenziaria che svolgono con alta professionalità la loro funzione di garanzia di sicurezza, sia per chi lavoro sia per il regolare svolgimento dell’attività, e si impegnano anche nel vigilare sulla viabilità e sul rispetto delle aree mentre le operazioni manutentive sono in corso, hanno ripristinato la recinzione che era ormai pericolosa e cadente, hanno provveduto alla mondatura delle aiuole ad arbusti che erano completamente invase da infestanti e al taglio dell’erba di tutto il parco, hanno raccolto il sedimento stratificato di foglie, hanno riparazione arredi e giochi provvedendo anche al trattamento con prodotto protettivo di quelli in legno, hanno rimosso le scritte volgari che campeggiavano sui giochi,
Come sempre i detenuti hanno prestato la loro attività come volontari, con il coordinamento tecnico e il supporto logistico e operativo di Assa a cui hanno collaborato anche i detenuti attualmente inseriti in azienda come “cantieristi lavoro” ai sensi della legge 34/2008.
v.s.