Altro

“FumettoPolis”, gli autori indipendenti abitano a Casa Bossi

“FumettoPolis”, gli autori indipendenti abitano a Casa Bossi
Altro 18 Settembre 2015 ore 11:08

NOVARA - Per tre giorni Casa Bossi si trasforma in “Fumetto Polis. L’immagine urbana del fumetto indipendente”. Da oggi fino al 20 settembre tra le mura antonelliane appuntamento con fumetti e autori indipendenti nell’ambito del contenitore “Cos’altro sono le città se non persone?”. 

Curatori due esperti del settore come gli illustratori Bruno Testa e Daniele Rudoni: «L’obiettivo – spiega Testa – è quello di creare un luogo di incontro diviso in due realtà particolari di carattere artistico, realtà che riguardano gli autori indipendenti, slegati dalla filiera dell’editoria classica. La prima parte è la rassegna nazionale del fumetto indipendente: una realtà che si è creata su internet, grazie alla presenza costante di autori bravi, giovani e brillanti che sono riusciti ad autopubblicarsi, creando una rete di pubblico: un fenomeno di editoria frontale. Ecco allora nelle prime sale il lato oscuro dei supereroi, poi “Rock’n’Punch RidersVsRacers” e “Lùmina”, un progetto di graphic novel serializzata, a metà strada tra il genere Sci-Fi e il fantasy. Quindi una sala Indie con tutti gli artisti: dieci protagonisti, tavole in alta definizione, stampe fine arts ovvero gli originali che producono in digitale». 

Dopo le proiezioni d’autore di Marco Paracchini la seconda parte della rassegna che «ospita altri autori indipendenti ma nell’accezione più classica come il giovane Andrea Longhi che ha fondato il gruppo italiano di Urban Sketchers: raccoglie amanti del viaggio e della ricerca di angoli particolari e li conduce in una esplorazione delle città, disegnandole. Si portano dietro carnet di viaggio e con diverse tecniche ritraggono l’architettura e il paesaggio. Così il loro diventa un racconto di viaggio. La sezione si chiama “Viaggio, città, immaginario”. La rassegna dà spazio anche a Francesco Corni, personaggio diverso dal punto di vista tecnico, illustratore di Bell’Italia e Bell’Europa: disegna monumenti e palazzi, inventando un nuovo modo di raccontare l’architettura. È un divulgatore dell’urbanistica. L’ultima sala è dedicata all’autrice torinese Ilaria Urbinati che ha disegnato la graphic novel AAA, il diario fantastico di Alessandro Antonelli Architetto: la sua storia vista attraverso il fumetto». 

Oltre a bookshop e a incontri tra autori e pubblico nel programma anche il dibattito di sabato (ore 11) dedicato alle nuove strade dell’editoria e all’iniziativa di domenica (ore 10.30) con Andrea Longhi quando Novara diventerà teatro di disegno dal vivo con un evento che popola le vie di artisti. Per il programma completo fumettopolis.wordpress.com 

e.gr.

NOVARA - Per tre giorni Casa Bossi si trasforma in “Fumetto Polis. L’immagine urbana del fumetto indipendente”. Da oggi fino al 20 settembre tra le mura antonelliane appuntamento con fumetti e autori indipendenti nell’ambito del contenitore “Cos’altro sono le città se non persone?”. 

Curatori due esperti del settore come gli illustratori Bruno Testa e Daniele Rudoni: «L’obiettivo – spiega Testa – è quello di creare un luogo di incontro diviso in due realtà particolari di carattere artistico, realtà che riguardano gli autori indipendenti, slegati dalla filiera dell’editoria classica. La prima parte è la rassegna nazionale del fumetto indipendente: una realtà che si è creata su internet, grazie alla presenza costante di autori bravi, giovani e brillanti che sono riusciti ad autopubblicarsi, creando una rete di pubblico: un fenomeno di editoria frontale. Ecco allora nelle prime sale il lato oscuro dei supereroi, poi “Rock’n’Punch RidersVsRacers” e “Lùmina”, un progetto di graphic novel serializzata, a metà strada tra il genere Sci-Fi e il fantasy. Quindi una sala Indie con tutti gli artisti: dieci protagonisti, tavole in alta definizione, stampe fine arts ovvero gli originali che producono in digitale». 

Dopo le proiezioni d’autore di Marco Paracchini la seconda parte della rassegna che «ospita altri autori indipendenti ma nell’accezione più classica come il giovane Andrea Longhi che ha fondato il gruppo italiano di Urban Sketchers: raccoglie amanti del viaggio e della ricerca di angoli particolari e li conduce in una esplorazione delle città, disegnandole. Si portano dietro carnet di viaggio e con diverse tecniche ritraggono l’architettura e il paesaggio. Così il loro diventa un racconto di viaggio. La sezione si chiama “Viaggio, città, immaginario”. La rassegna dà spazio anche a Francesco Corni, personaggio diverso dal punto di vista tecnico, illustratore di Bell’Italia e Bell’Europa: disegna monumenti e palazzi, inventando un nuovo modo di raccontare l’architettura. È un divulgatore dell’urbanistica. L’ultima sala è dedicata all’autrice torinese Ilaria Urbinati che ha disegnato la graphic novel AAA, il diario fantastico di Alessandro Antonelli Architetto: la sua storia vista attraverso il fumetto». 

Oltre a bookshop e a incontri tra autori e pubblico nel programma anche il dibattito di sabato (ore 11) dedicato alle nuove strade dell’editoria e all’iniziativa di domenica (ore 10.30) con Andrea Longhi quando Novara diventerà teatro di disegno dal vivo con un evento che popola le vie di artisti. Per il programma completo fumettopolis.wordpress.com 

e.gr.