Grande festa della solidarietà con #NovaraDona

Grande festa della solidarietà con #NovaraDona
Altro 06 Luglio 2015 ore 09:11

NOVARA - Otto associazioni e realtà di volontariato attive in città, chi da pochi anni, chi da molti, chi anche da secoli, per festeggiare tutte insieme i 15 anni della Fondazione della Comunità del Novarese Onlus. Tutto questo è andato in scena sabato 4 luglio, tanto al pomeriggio, quanto in serata, in pieno centro.

A fare da contorno all’iniziativa, un grande caldo, che, però, non ha fermato i novaresi nel partecipare all’evento, che, partito dalla zona di piazza Duomo e del Broletto, ha poi animato, in diverse tappe, molti angoli, piazze e strade cittadine, con gran finale nuovamente in piazza Duomo. Un intero pomeriggio di solidarietà, partecipazione, divertimento e allegria, che ha coinvolto tanto i più grandi come anche i bambini.

Un evento che ha voluto diffondere nel migliore dei modi la filosofia del dono e della condivisione, quella delle associazioni del bene, impegnate quotidianamente, 365 giorni all’anno, a favore di chi vive situazioni di difficoltà per le ragioni più diverse.

La manifestazione, caratterizzata da tanti palloncini azzurri, si è aperta alle 15,30 con una grande parata circense, accompagnata dall’associazione culturale Dimidimitri. Un gimkana coloratisssima e allegra, con giocolieri, acrobati e clown, che ha percorso tutto il centro, fermandosi, man mano, negli ‘stop’, in cui ad attenderla c’era un’associazione. Prima tappa piazza delle Erbe, dove a presentare le proprie attività e la propria storia sono state la Neo-N Neonati a rischio Novara Onlus (attiva presso la Terapia intensiva neonatale dell’ospedale Maggiore) e la sezione novarese dell’Ugi, Unione genitori italiani contro il tumore dei bambini. A prendere la parola, volontari e presidenti dei due gruppi. Da qui le associazioni e i giocolieri, con tanto di presentatore, hanno proseguito lungo via Fratelli Rosselli, per incontrare poi all’Angolo delle Ore altre due realtà impegnate nel volontariato locale: l’Angsa Novara Onlus (Associazione nazionale genitori soggetti autistici) e l’Anffas Onlus Novara (Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale). La parata si è così infoltita e allungata, per andare a conoscere altre due associazioni che, grazie alla Fondazione Comunità del Novarese Onlus, hanno potuto dare vita e realizzare importanti progetti. In corso Cavour, infatti, ecco l’incontro con la Comunità per minori Santa Lucia di via Azario e i ragazzi qui ospitati (realtà attiva dal 1599) e con Elios Società Cooperativa Sociale (che ha come aree di intervento disabilità, psichiatria, minori e famiglie e housing sociale). Ascoltate e accolte anche queste altre realtà del bene novarese si è ripreso il cammino verso piazza Duomo. Prima, però, tappa al Broletto, dove ad aspettare la carovana azzurra del Dono c’erano altre due associazioni coinvolte: l’Agd, Associazione per l’aiuto ai giovani diabetici Carlo Fasulo Novara Onlus e l’Aic, Associazione italiana celiachia Piemonte e Valle d’Aosta.

Ogni associazione, durante la parata, ha portato con sé un grande petalo con il nome della propria realtà. Tutti i petali, in piazza Duomo, sul palco appositamente allestito, sono andati a comporre una corolla gigante della solidarietà novarese, di quanto si è potuto realizzare con la Fondazione della Comunità del Novarese Onlus. A seguire, prima dell’attesissimo taglio della torta (in verità più di una), l’associazione Dimidimitri, con il suo Juggling Team, ha offerto al pubblico uno straordinario spettacolo con numeri circensi e animazione. A chiudere, quindi, il grande taglio della torta, alla presenza del sindaco Andrea Ballarè, dell’assessore Sara Paladini e del vicepresidente della Fondazione, Giuseppe Nobile. Grazie all’Aic e alla Pasticceria Creativa e Naturale Fralenuvole è stato possibile avere anche una porzione di crostata senza glutine. Ad aiutare a servire le porzioni di torta, gli allievi dell’Istituto Panificatori di Novara. Grande chiusura il lancio dei palloncini verso il cielo, tutti targati Fondo Minori FCN, a segno di un impegno futuro della Fondazione. Le offerte raccolte (attraverso l’assaggio della torta e la vendita dei gadget, braccialetti e spillette), infatti, saranno devolute al Fondo Minori, istituito su iniziativa della FCN nel 2005, per promuovere e sostenere progetti di contrasto al disagio minorile. Disponibile per tutto il pomeriggio anche una speciale cornice per selfie con la grafica a tema #NOVARADONA. Una festa conclusa con un concerto nel cortile del Broletto in serata.

Monica Curino

 

Per saperne di più leggi l’articolo completo sul Corriere di Novara in edicola lunedì 6 luglio


NOVARA - Otto associazioni e realtà di volontariato attive in città, chi da pochi anni, chi da molti, chi anche da secoli, per festeggiare tutte insieme i 15 anni della Fondazione della Comunità del Novarese Onlus. Tutto questo è andato in scena sabato 4 luglio, tanto al pomeriggio, quanto in serata, in pieno centro.

A fare da contorno all’iniziativa, un grande caldo, che, però, non ha fermato i novaresi nel partecipare all’evento, che, partito dalla zona di piazza Duomo e del Broletto, ha poi animato, in diverse tappe, molti angoli, piazze e strade cittadine, con gran finale nuovamente in piazza Duomo. Un intero pomeriggio di solidarietà, partecipazione, divertimento e allegria, che ha coinvolto tanto i più grandi come anche i bambini.

Un evento che ha voluto diffondere nel migliore dei modi la filosofia del dono e della condivisione, quella delle associazioni del bene, impegnate quotidianamente, 365 giorni all’anno, a favore di chi vive situazioni di difficoltà per le ragioni più diverse.

La manifestazione, caratterizzata da tanti palloncini azzurri, si è aperta alle 15,30 con una grande parata circense, accompagnata dall’associazione culturale Dimidimitri. Un gimkana coloratisssima e allegra, con giocolieri, acrobati e clown, che ha percorso tutto il centro, fermandosi, man mano, negli ‘stop’, in cui ad attenderla c’era un’associazione. Prima tappa piazza delle Erbe, dove a presentare le proprie attività e la propria storia sono state la Neo-N Neonati a rischio Novara Onlus (attiva presso la Terapia intensiva neonatale dell’ospedale Maggiore) e la sezione novarese dell’Ugi, Unione genitori italiani contro il tumore dei bambini. A prendere la parola, volontari e presidenti dei due gruppi. Da qui le associazioni e i giocolieri, con tanto di presentatore, hanno proseguito lungo via Fratelli Rosselli, per incontrare poi all’Angolo delle Ore altre due realtà impegnate nel volontariato locale: l’Angsa Novara Onlus (Associazione nazionale genitori soggetti autistici) e l’Anffas Onlus Novara (Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale). La parata si è così infoltita e allungata, per andare a conoscere altre due associazioni che, grazie alla Fondazione Comunità del Novarese Onlus, hanno potuto dare vita e realizzare importanti progetti. In corso Cavour, infatti, ecco l’incontro con la Comunità per minori Santa Lucia di via Azario e i ragazzi qui ospitati (realtà attiva dal 1599) e con Elios Società Cooperativa Sociale (che ha come aree di intervento disabilità, psichiatria, minori e famiglie e housing sociale). Ascoltate e accolte anche queste altre realtà del bene novarese si è ripreso il cammino verso piazza Duomo. Prima, però, tappa al Broletto, dove ad aspettare la carovana azzurra del Dono c’erano altre due associazioni coinvolte: l’Agd, Associazione per l’aiuto ai giovani diabetici Carlo Fasulo Novara Onlus e l’Aic, Associazione italiana celiachia Piemonte e Valle d’Aosta.

Ogni associazione, durante la parata, ha portato con sé un grande petalo con il nome della propria realtà. Tutti i petali, in piazza Duomo, sul palco appositamente allestito, sono andati a comporre una corolla gigante della solidarietà novarese, di quanto si è potuto realizzare con la Fondazione della Comunità del Novarese Onlus. A seguire, prima dell’attesissimo taglio della torta (in verità più di una), l’associazione Dimidimitri, con il suo Juggling Team, ha offerto al pubblico uno straordinario spettacolo con numeri circensi e animazione. A chiudere, quindi, il grande taglio della torta, alla presenza del sindaco Andrea Ballarè, dell’assessore Sara Paladini e del vicepresidente della Fondazione, Giuseppe Nobile. Grazie all’Aic e alla Pasticceria Creativa e Naturale Fralenuvole è stato possibile avere anche una porzione di crostata senza glutine. Ad aiutare a servire le porzioni di torta, gli allievi dell’Istituto Panificatori di Novara. Grande chiusura il lancio dei palloncini verso il cielo, tutti targati Fondo Minori FCN, a segno di un impegno futuro della Fondazione. Le offerte raccolte (attraverso l’assaggio della torta e la vendita dei gadget, braccialetti e spillette), infatti, saranno devolute al Fondo Minori, istituito su iniziativa della FCN nel 2005, per promuovere e sostenere progetti di contrasto al disagio minorile. Disponibile per tutto il pomeriggio anche una speciale cornice per selfie con la grafica a tema #NOVARADONA. Una festa conclusa con un concerto nel cortile del Broletto in serata.

>>> CLICCA PER VEDERE LE IMMAGINI DELLA NOSTRA GALLERY

Monica Curino

 

Per saperne di più leggi l’articolo completo sul Corriere di Novara in edicola lunedì 6 luglio