I detenuti tinteggiano la scuola primaria Rodari (FOTOGALLERY)

I detenuti tinteggiano la scuola primaria Rodari (FOTOGALLERY)
Altro 12 Aprile 2015 ore 09:54

NOVARA - Al ritorno dalle vacanze pasquali gli alunni della primaria “Gianni Rodari” di via Cavigioli hanno trovato una piacevole sorpresa anche a scuola. Ad accoglierli non solo i sorrisi delle insegnanti, ma anche aule, corridoi, spazi comuni e bagni del secondo piano rimessi a nuovo, completamente ritinteggiati grazie al lavoro svolto dai detenuti della Casa Circondariale di via Sforzesca, accompagnati dagli agenti della Polizia Penitenziaria, coordinati e supportati da Assa, impiegando il materiale necessario acquistato dal Comune di Novara ed esprimendo la loro contentezza per aver potuto contribuire a migliorare gli ambienti scolastici anche scrivendo sulle lavagne messaggi di saluto e augurio per i bambini.

L’attività si è svolta dal 2 al 7 aprile nell’ambito delle “Giornate di recupero ambientale”, protocollo che vede coinvolti Comune di Novara, Magistratura di Sorveglianza, Casa Circondariale, Ufficio esecuzioni penali esterne e Assa e che prevede l’impiego dei detenuti per lavori di pulizia e riordino di aree e strutture pubbliche.

«Sono molto soddisfatto dei risultati dell'iniziativa che Assa ha promosso lo scorso anno e che sta consentendo la realizzazione di importanti opere per la comunità», sottolinea il presidente di Assa, Marcello Marzo.

Nella giornata di conclusione dei lavori hanno fatto un sopralluogo il vicesindaco Nicola Fonzo e l’assessore Elia Impaloni.

Il sindaco Andrea Ballarè ha ribadito il grande valore di questo tipo di iniziativa «che – ha detto – vogliamo riproporre e potenziare»

Ai ragazzi la coordinatrice del plesso, Cristina Staurenghi, e tutte le insegnanti hanno illustrato la valenza del progetto di cui ha potuto beneficiare la loro scuola e che unisce al lavoro di  pubblica utilità come occasione di riscatto per i detenuti, il beneficio per la collettività che in questo caso è direttamente apprezzato dagli alunni e da tutte le loro famiglie oltre che dalle insegnanti e da tutto il personale della Rodari.

Un giudizio positivo lo ha espresso anche la Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo “Fornara Ossola”, Fabia Scaglione, soddisfatta del lavoro svolto che ha seguito anche con  sopralluoghi. Allo stabile di Via Cavigioli sono stati fatti dal Comune, edilizia scolastica, anche altri lavori di manutenzione, quali la verniciatura della recinzione, la sistemazione dell’area verde e la realizzazione del canale di scolo. «Ci auguriamo – commenta la dirigente scolastica – che gli interventi vengano completati, come previsto, alla chiusura dell’anno scolastico, quando si proseguirà con la tinteggiatura di aule, laboratori, spazi comuni e bagni di primo piano e seminterrato. L’anno prossimo speriamo in un intervento per la Scuola secondaria di primo grado, magari sempre tramite questo progetto che è molto utile alla collettività e che persegue il reinserimento lavorativo e sociale dei detenuti».

La scuola Rodari ha anche aderito all’attività promossa dalla Commissione di Rete per l’Educazione Ambientale e Assa ha tenuto gli incontri di educazione alla sostenibilità ambientale, quest’anno collegati alla sostenibilità dell'alimentazione quale tema conduttore di Expo 2015, alle classi 2^A, 2^B, 3^B, 4^A, 5^A.

v.s.

 

 

NOVARA - Al ritorno dalle vacanze pasquali gli alunni della primaria “Gianni Rodari” di via Cavigioli hanno trovato una piacevole sorpresa anche a scuola. Ad accoglierli non solo i sorrisi delle insegnanti, ma anche aule, corridoi, spazi comuni e bagni del secondo piano rimessi a nuovo, completamente ritinteggiati grazie al lavoro svolto dai detenuti della Casa Circondariale di via Sforzesca, accompagnati dagli agenti della Polizia Penitenziaria, coordinati e supportati da Assa, impiegando il materiale necessario acquistato dal Comune di Novara ed esprimendo la loro contentezza per aver potuto contribuire a migliorare gli ambienti scolastici anche scrivendo sulle lavagne messaggi di saluto e augurio per i bambini.

L’attività si è svolta dal 2 al 7 aprile nell’ambito delle “Giornate di recupero ambientale”, protocollo che vede coinvolti Comune di Novara, Magistratura di Sorveglianza, Casa Circondariale, Ufficio esecuzioni penali esterne e Assa e che prevede l’impiego dei detenuti per lavori di pulizia e riordino di aree e strutture pubbliche.

«Sono molto soddisfatto dei risultati dell'iniziativa che Assa ha promosso lo scorso anno e che sta consentendo la realizzazione di importanti opere per la comunità», sottolinea il presidente di Assa, Marcello Marzo.

Nella giornata di conclusione dei lavori hanno fatto un sopralluogo il vicesindaco Nicola Fonzo e l’assessore Elia Impaloni.

Il sindaco Andrea Ballarè ha ribadito il grande valore di questo tipo di iniziativa «che – ha detto – vogliamo riproporre e potenziare»

Ai ragazzi la coordinatrice del plesso, Cristina Staurenghi, e tutte le insegnanti hanno illustrato la valenza del progetto di cui ha potuto beneficiare la loro scuola e che unisce al lavoro di  pubblica utilità come occasione di riscatto per i detenuti, il beneficio per la collettività che in questo caso è direttamente apprezzato dagli alunni e da tutte le loro famiglie oltre che dalle insegnanti e da tutto il personale della Rodari.

Un giudizio positivo lo ha espresso anche la Dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo “Fornara Ossola”, Fabia Scaglione, soddisfatta del lavoro svolto che ha seguito anche con  sopralluoghi. Allo stabile di Via Cavigioli sono stati fatti dal Comune, edilizia scolastica, anche altri lavori di manutenzione, quali la verniciatura della recinzione, la sistemazione dell’area verde e la realizzazione del canale di scolo. «Ci auguriamo – commenta la dirigente scolastica – che gli interventi vengano completati, come previsto, alla chiusura dell’anno scolastico, quando si proseguirà con la tinteggiatura di aule, laboratori, spazi comuni e bagni di primo piano e seminterrato. L’anno prossimo speriamo in un intervento per la Scuola secondaria di primo grado, magari sempre tramite questo progetto che è molto utile alla collettività e che persegue il reinserimento lavorativo e sociale dei detenuti».

La scuola Rodari ha anche aderito all’attività promossa dalla Commissione di Rete per l’Educazione Ambientale e Assa ha tenuto gli incontri di educazione alla sostenibilità ambientale, quest’anno collegati alla sostenibilità dell'alimentazione quale tema conduttore di Expo 2015, alle classi 2^A, 2^B, 3^B, 4^A, 5^A.

v.s.