Il Comune di Novara per il bassorilievo di Salvatore Fiume

Il Comune di Novara per il bassorilievo di Salvatore Fiume
Altro 17 Giugno 2015 ore 16:45

NOVARA – Per il bassorilievo policromo di Salvatore Fiume presente all’interno della ex Caserma Gherzi, che rischia l’oblio all’interno di un ufficio senza alcuna possibilità di visita da parte del pubblico, si muove il Comune di Novara.
L’assessore alla cultura del Comune di Novara, Paola Turchelli, ha scritto ieri mattina una lettera all’agenzia del Demanio, proprietaria dell’immobile, alla Soprintendenza alle Belle Arti del Piemonte, e ai comandi nazionale, regionale e provinciale del Corpo Forestale dello Stato.
Obuettivo: organizzare al più presto un tavolo di confronto per affrontare il tema della salvaguardia e della valorizzazione dell’opera del grande artista italiano.
«Questa amministrazione – scrive Turchelli – facendosi portavoce delle numerose richieste e sollecitazioni pervenute sia dalla cittadinanza sia da Enti e Associazioni che operano nel settore culturale, chiede un incontro per trovare insieme le strategie e le modalità migliori per tutelare e allo stesso tempo valorizzare il Bassorilievo, favorendo un percorso culturale che permetta l’accesso e la visibilità all’intera cittadinanza».
L’assessore sottolinea l’urgenza di una decisione in questo senso, anche per la ricorrenza del centenario della nascita di Salvatore Fiume, proprio in questo anno 2015.

v.s.

NOVARA – Per il bassorilievo policromo di Salvatore Fiume presente all’interno della ex Caserma Gherzi, che rischia l’oblio all’interno di un ufficio senza alcuna possibilità di visita da parte del pubblico, si muove il Comune di Novara.
L’assessore alla cultura del Comune di Novara, Paola Turchelli, ha scritto ieri mattina una lettera all’agenzia del Demanio, proprietaria dell’immobile, alla Soprintendenza alle Belle Arti del Piemonte, e ai comandi nazionale, regionale e provinciale del Corpo Forestale dello Stato.
Obuettivo: organizzare al più presto un tavolo di confronto per affrontare il tema della salvaguardia e della valorizzazione dell’opera del grande artista italiano.
«Questa amministrazione – scrive Turchelli – facendosi portavoce delle numerose richieste e sollecitazioni pervenute sia dalla cittadinanza sia da Enti e Associazioni che operano nel settore culturale, chiede un incontro per trovare insieme le strategie e le modalità migliori per tutelare e allo stesso tempo valorizzare il Bassorilievo, favorendo un percorso culturale che permetta l’accesso e la visibilità all’intera cittadinanza».
L’assessore sottolinea l’urgenza di una decisione in questo senso, anche per la ricorrenza del centenario della nascita di Salvatore Fiume, proprio in questo anno 2015.

v.s.