Inaugurata all’artistico l’Aula 17

Inaugurata all’artistico l’Aula 17
Altro 31 Maggio 2015 ore 02:54

NOVARA – Inaugurazione ufficiale, mercoledì, per l’Aula 17 al liceo artistico Casorati di Novara. Un progetto partito da lontano e che è il risultato della vendita del libro “Antologia in 3 Parole”, contenente i migliori racconti della prima edizione del Concorso letterario in 3 Parole, organizzato e promosso dalla Fondazione Lucrezia Tangorra Onlus. Un progetto reso possibile dalla sinergia che si è creata tra tutti, amici, genitori, insegnanti.
Al taglio del nastro, accanto al dirigente scolastico Salvatore Palvetti e alla presidente e al vicepresidente della Fondazione Lucrezia Tangorra (rispettivamente Laura Minuto e Nicola Tangorra), l’assessore comunale Sara Paladini, amici della scuola, ragazzi e docenti. In tutto un centinaio di persone. Come spiegato dalla Fondazione e dal preside Palvetti: «abbiamo tinteggiato le pareti, verniciato gli infissi, posato il parquet, acquistato e montato mobili e complementi di arredo, tendaggi, cuscini, oltre che un computer e un impianto stereo, il tutto per rendere più comoda e accogliente quest’aula che viene prevalentemente utilizzata per le attività di sostegno per i diversamente abili. I tempi organizzativi sono stati lunghi, mentre per la realizzazione è bastato circa un mese e mezzo».
Un particolare ringraziamento, hanno spiegato i promotori e la scuola, va a Marco Ronzoni, Francesco Canetta, Tullio Carta, Pierluigi Cavazzana e le due referenti di progetto, Elena Porcelli e Francesca Bonzanini, «per tutto l’aiuto e il tempo che ci hanno regalato».

mo.c.

NOVARA – Inaugurazione ufficiale, mercoledì, per l’Aula 17 al liceo artistico Casorati di Novara. Un progetto partito da lontano e che è il risultato della vendita del libro “Antologia in 3 Parole”, contenente i migliori racconti della prima edizione del Concorso letterario in 3 Parole, organizzato e promosso dalla Fondazione Lucrezia Tangorra Onlus. Un progetto reso possibile dalla sinergia che si è creata tra tutti, amici, genitori, insegnanti.
Al taglio del nastro, accanto al dirigente scolastico Salvatore Palvetti e alla presidente e al vicepresidente della Fondazione Lucrezia Tangorra (rispettivamente Laura Minuto e Nicola Tangorra), l’assessore comunale Sara Paladini, amici della scuola, ragazzi e docenti. In tutto un centinaio di persone. Come spiegato dalla Fondazione e dal preside Palvetti: «abbiamo tinteggiato le pareti, verniciato gli infissi, posato il parquet, acquistato e montato mobili e complementi di arredo, tendaggi, cuscini, oltre che un computer e un impianto stereo, il tutto per rendere più comoda e accogliente quest’aula che viene prevalentemente utilizzata per le attività di sostegno per i diversamente abili. I tempi organizzativi sono stati lunghi, mentre per la realizzazione è bastato circa un mese e mezzo».
Un particolare ringraziamento, hanno spiegato i promotori e la scuola, va a Marco Ronzoni, Francesco Canetta, Tullio Carta, Pierluigi Cavazzana e le due referenti di progetto, Elena Porcelli e Francesca Bonzanini, «per tutto l’aiuto e il tempo che ci hanno regalato».

mo.c.