Altro

Incidente ad Alagna, le vittime ora sono due

Incidente ad Alagna, le vittime ora sono due
Altro 14 Aprile 2016 ore 16:27

C'è una seconda vittima nel terribile incidente stradale avvenuto sabato notte alle porte di Alagna Valsesia. E' morto anche Alessandro Bellia, studente, 18 anni compiuti il 9 febbraio, originario di Biella ma residente a Serravalle. Era stato ricoverato in condizioni critiche al Maggiore di Novara per le gravi ferite riportate nell'incidente, con l'auto su cui viaggiava insieme a tre amici che è uscita di strada, si è ribaltata più volte ed è finita prima contro una recinzione e infine contro un albero. Tre dei quattro ragazzi sono stati sbalzati fuori dall'abitacolo. Il quarto è stato estratto da un Vigile del fuoco e da uno dei testimoni presenti in quel momento. Nell

C'è una seconda vittima nel terribile incidente stradale avvenuto sabato notte alle porte di Alagna Valsesia. E' morto anche Alessandro Bellia, studente, 18 anni compiuti il 9 febbraio, originario di Biella ma residente a Serravalle. Era stato ricoverato in condizioni critiche al Maggiore di Novara per le gravi ferite riportate nell'incidente, con l'auto su cui viaggiava insieme a tre amici che è uscita di strada, si è ribaltata più volte ed è finita prima contro una recinzione e infine contro un albero. Tre dei quattro ragazzi sono stati sbalzati fuori dall'abitacolo. Il quarto è stato estratto da un Vigile del fuoco e da uno dei testimoni presenti in quel momento. Nello stesso incidente è morto, pochi minuti dopo il terribile impatto, anche Samuele Pezzotti, 19 anni, studente di Borgosesia. Ferito in modo grave Stefano Casati, anche lui di 18 anni, di Borgosesia, che ha rischiato l'amputazione di una gamba. Portato al Cto di Torino, è stato sottoposto a un delicato intervento di microchirurgia: ore ed ore sotto i ferri a ricomporre fratture, a unire tendini, muscoli e nervi. I medici appaiono fiduciosi: la gamba del ragazzo potrebbe salvarsi anche se la rieducazione sarà parecchio lunga. Se l'è invece cavata per fortuna con una frattura a una gamba, l'unica ragazza del gruppo, Maria Iacolino, anche lei di 18 anni e di Borgosesia, ricoverata nell'ospedale cittadino. E' la meno grave. Non è ancora ben chiaro cosa sia effettivamente successo sabato notte all'una poco fuori l'abitato di Alagna Valsesia. I quattro amici in quel momento stavano tornando a casa. Il pomeriggio lo avevano trascorso in un locale di Mera. La sera si erano spostati ad Alagna per la tradizionale festa di chiusura della stagione sciistica. Non sarebbe stato ancora appurato con certezza chi dei giovani fosse alla guida, se Samuele Pezzotti oppure Alessandro Bellia, che occupavano in quel momento i posti anteriori del furgone Fiat Doblò, con il più giovane dei due che possedeva la patente da appena tre settimane. Sulla data dei funerali ancora nulla si sa. E' probabile che il magistrato ordini l'autopsia prima di concedere il nullaosta ai familiari straziati dal dolore.

Valter Caneparo