Altro

L’Angsa ha incontrato monsignor Brambilla

L’Angsa ha incontrato monsignor Brambilla
Altro 25 Maggio 2015 ore 08:41

NOVARA – L’Angsa Novara-Vercelli, l’associazione nazionale genitori soggetti autistici, ha visitato negli scorsi giorni il vescovo, monsignor Franco Giulio Brambilla.

Ospiti del vescovo, la presidente Benedetta De Martis, volontari e operatori. In quest’occasione “abbiamo raccontato della nostra associazione, del nostro centro, delle nostre famiglie – spiega la presidente - Abbiamo raccontato un po’ di noi. Monsignor Brambilla invece ci ha raccontato  un po’ di lui. Ci ha raccontato della sua  esperienza  con la disabilità. Per lui questo è un mondo che gli sta particolarmente a cuore in quanto da anni è coinvolto in un progetto del centro “La Nostra Famiglia” di Milano e conosce bene anche l’autismo. Abbiamo espresso il nostro desiderio di una messa dedicata a noi. Una messa dove i nostri ragazzi possono essere liberi di muoversi, correre, ridere, fare anche stereotipie rumorose senza che questo ci faccia sentire a disagio, perché saremo con persone che vivono la nostra stessa realtà. In questo modo potremo goderci veramente questo momento di accoglienza e spiritualità”.

Monsignor Brambilla ha accolto favorevolmente la richiesta, fissando subito l’appuntamento. La messa si terrà domenica 7 giugno alle 18 alla sede dell’Angsa, in corso Risorgimento 237.

La funzione si terrà nella palestra sul retro.

mo.c.


NOVARA– L’Angsa Novara-Vercelli, l’associazione nazionale genitori soggetti autistici, ha visitato negli scorsi giorni il vescovo, monsignor Franco Giulio Brambilla.

Ospiti del vescovo, la presidente Benedetta De Martis, volontari e operatori. In quest’occasione “abbiamo raccontato della nostra associazione, del nostro centro, delle nostre famiglie – spiega la presidente - Abbiamo raccontato un po’ di noi. Monsignor Brambilla invece ci ha raccontato  un po’ di lui. Ci ha raccontato della sua  esperienza  con la disabilità. Per lui questo è un mondo che gli sta particolarmente a cuore in quanto da anni è coinvolto in un progetto del centro “La Nostra Famiglia” di Milano e conosce bene anche l’autismo. Abbiamo espresso il nostro desiderio di una messa dedicata a noi. Una messa dove i nostri ragazzi possono essere liberi di muoversi, correre, ridere, fare anche stereotipie rumorose senza che questo ci faccia sentire a disagio, perché saremo con persone che vivono la nostra stessa realtà. In questo modo potremo goderci veramente questo momento di accoglienza e spiritualità”.

Monsignor Brambilla ha accolto favorevolmente la richiesta, fissando subito l’appuntamento. La messa si terrà domenica 7 giugno alle 18 alla sede dell’Angsa, in corso Risorgimento 237.

La funzione si terrà nella palestra sul retro.

mo.c.