La A4 pronta per la Expo, ma non a Novara

La A4 pronta per la Expo, ma non a Novara
Altro 14 Marzo 2015 ore 01:11

NOVARA – Aggiornamento sui lavori di allargamento e ammodernamento della A4 Torino-Milano, nel tratto incubo fra Novara Ovest e il capoluogo meneghino, a meno di 50 giorni dell’inaugurazione della Expo, che appunto richiederebbe a suo servizio un autostrada degna di questo nome, ma che quasi sicuramente aprirà i battenti con alle porte una viabilità ancora a singhiozzo. A certificare il ritardo dei lavori è stato a febbraio l’autorevole “Osservatorio territoriale infrastrutture Nord Ovest” di Assolombarda, Unione industriale di Torino e Confindustria Genova, certificazione che peraltro si ritrova sostanzialmente sul sito stesso della Satap, la spa che gestisce l’arteria. In due parole: si completerà in tempo (giorno prima dell’inaugurazione di Expo…) il tratto finale fino alla barriera di Milano Ghisolfa, ma resteranno aperti i cantieri nei tratti precedenti, sostanzialmente fra Novara Ovest e più o meno Arluno (mentre devono ancora aprire quelli fino alla Autolaghi). Insomma, bisogna avere (ancora) pazienza e rassegnarsi.

p.v.

leggi l’articolo integrale sul “Corriere di Novara” di sabato 14 marzo

NOVARA – Aggiornamento sui lavori di allargamento e ammodernamento della A4 Torino-Milano, nel tratto incubo fra Novara Ovest e il capoluogo meneghino, a meno di 50 giorni dell’inaugurazione della Expo, che appunto richiederebbe a suo servizio un autostrada degna di questo nome, ma che quasi sicuramente aprirà i battenti con alle porte una viabilità ancora a singhiozzo. A certificare il ritardo dei lavori è stato a febbraio l’autorevole “Osservatorio territoriale infrastrutture Nord Ovest” di Assolombarda, Unione industriale di Torino e Confindustria Genova, certificazione che peraltro si ritrova sostanzialmente sul sito stesso della Satap, la spa che gestisce l’arteria. In due parole: si completerà in tempo (giorno prima dell’inaugurazione di Expo…) il tratto finale fino alla barriera di Milano Ghisolfa, ma resteranno aperti i cantieri nei tratti precedenti, sostanzialmente fra Novara Ovest e più o meno Arluno (mentre devono ancora aprire quelli fino alla Autolaghi). Insomma, bisogna avere (ancora) pazienza e rassegnarsi.

p.v.

leggi l’articolo integrale sul “Corriere di Novara” di sabato 14 marzo

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli