La A4 pronta per la Expo, ma non a Novara

La A4 pronta per la Expo, ma non a Novara
14 Marzo 2015 ore 01:11

NOVARA – Aggiornamento sui lavori di allargamento e ammodernamento della A4 Torino-Milano, nel tratto incubo fra Novara Ovest e il capoluogo meneghino, a meno di 50 giorni dell’inaugurazione della Expo, che appunto richiederebbe a suo servizio un autostrada degna di questo nome, ma che quasi sicuramente aprirà i battenti con alle porte una viabilità ancora a singhiozzo. A certificare il ritardo dei lavori è stato a febbraio l’autorevole “Osservatorio territoriale infrastrutture Nord Ovest” di Assolombarda, Unione industriale di Torino e Confindustria Genova, certificazione che peraltro si ritrova sostanzialmente sul sito stesso della Satap, la spa che gestisce l’arteria. In due parole: si completerà in tempo (giorno prima dell’inaugurazione di Expo…) il tratto finale fino alla barriera di Milano Ghisolfa, ma resteranno aperti i cantieri nei tratti precedenti, sostanzialmente fra Novara Ovest e più o meno Arluno (mentre devono ancora aprire quelli fino alla Autolaghi). Insomma, bisogna avere (ancora) pazienza e rassegnarsi.

p.v.

leggi l’articolo integrale sul “Corriere di Novara” di sabato 14 marzo

NOVARA – Aggiornamento sui lavori di allargamento e ammodernamento della A4 Torino-Milano, nel tratto incubo fra Novara Ovest e il capoluogo meneghino, a meno di 50 giorni dell’inaugurazione della Expo, che appunto richiederebbe a suo servizio un autostrada degna di questo nome, ma che quasi sicuramente aprirà i battenti con alle porte una viabilità ancora a singhiozzo. A certificare il ritardo dei lavori è stato a febbraio l’autorevole “Osservatorio territoriale infrastrutture Nord Ovest” di Assolombarda, Unione industriale di Torino e Confindustria Genova, certificazione che peraltro si ritrova sostanzialmente sul sito stesso della Satap, la spa che gestisce l’arteria. In due parole: si completerà in tempo (giorno prima dell’inaugurazione di Expo…) il tratto finale fino alla barriera di Milano Ghisolfa, ma resteranno aperti i cantieri nei tratti precedenti, sostanzialmente fra Novara Ovest e più o meno Arluno (mentre devono ancora aprire quelli fino alla Autolaghi). Insomma, bisogna avere (ancora) pazienza e rassegnarsi.

p.v.

leggi l’articolo integrale sul “Corriere di Novara” di sabato 14 marzo

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità