Altro

La Giornata dello Studente

La Giornata dello Studente
Altro 17 Novembre 2015 ore 23:44

 

Oggi è la giornata internazionale dello studente. Ma studiare è davvero un diritto per tutti, nel mondo? A vedere cosa sta accadendo in questo periodo storico c'è da chiedersi se sia davvero così. 
La ricorrenza è nata in memoria dell'uccisione di uno studente, Jan Opletal, da parte dei nazisti per le proteste portate avanti dagli studenti Cechi contro l’occupazione tedesca. La processione per il funerale, tenuta il 15 novembre, portò migliaia di studenti a manifestare e usare l’occasione per un’altra manifestazione anti nazista.
Nella brutale rappresaglia che seguì vennero chiuse tutte le università; le truppe naziste presero d’assalto l’Università di Praga, più di 1200 studenti vennero imprigionati o spediti nei campi di concentramento. Nove tra studenti e professori furono giustiziati senza alcun processo due giorni dopo, il 17 novembre 1939.
Questi eventi furono commemorati il 17 novembre 1941 dagli studenti nel Regno Unito in quella che sarebbe diventato noto in Europa come la Giornata dello Studente.
* * *
Oggi troppo spesso gli studenti protestano contro i tagli e richiedono con forza un sistema di qualità.
Quello che viene avvertito come urgenza sono investimenti che permettano davvero il libero accesso al mondo dell’istruzione: in modo da dare a tutti la possibilità di studiare, combattendo così anche il crescente abbandono scolastico.
Sarà capace, questa classe politica, di rispondere con slancio e decisione alla loro richiesta?

 

 

Oggi è la giornata internazionale dello studente. Ma studiare è davvero un diritto per tutti, nel mondo? A vedere cosa sta accadendo in questo periodo storico c'è da chiedersi se sia davvero così. 
La ricorrenza è nata in memoria dell'uccisione di uno studente, Jan Opletal, da parte dei nazisti per le proteste portate avanti dagli studenti Cechi contro l’occupazione tedesca. La processione per il funerale, tenuta il 15 novembre, portò migliaia di studenti a manifestare e usare l’occasione per un’altra manifestazione anti nazista.
Nella brutale rappresaglia che seguì vennero chiuse tutte le università; le truppe naziste presero d’assalto l’Università di Praga, più di 1200 studenti vennero imprigionati o spediti nei campi di concentramento. Nove tra studenti e professori furono giustiziati senza alcun processo due giorni dopo, il 17 novembre 1939.
Questi eventi furono commemorati il 17 novembre 1941 dagli studenti nel Regno Unito in quella che sarebbe diventato noto in Europa come la Giornata dello Studente.
* * *
Oggi troppo spesso gli studenti protestano contro i tagli e richiedono con forza un sistema di qualità.
Quello che viene avvertito come urgenza sono investimenti che permettano davvero il libero accesso al mondo dell’istruzione: in modo da dare a tutti la possibilità di studiare, combattendo così anche il crescente abbandono scolastico.
Sarà capace, questa classe politica, di rispondere con slancio e decisione alla loro richiesta?