Altro

“La nostra salute: quale futuro?”

“La nostra salute: quale futuro?”
Altro 08 Novembre 2015 ore 08:55

NOVARA - “La nostra salute: quale futuro?” è il titolo del primo incontro di un ciclo di conferenze organizzato dall’associazione Tutela dei diritti del malato in collaborazione con la Regione Piemonte, l’Asl No, l’Azienda ospedaliero-universitaria “Maggiore della Carità” e l’Ordine dei Medici Chirurghi della provincia di Novara e il patrocinio della Fondazione della Comunità del Novarese che si terrà il 13 novembre, alle 15, nell’aula magna dell’Aou in corso Mazzini 18.

L’iniziativa è stata presentata nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il presidente dell’associazione Roberto Mari, il Direttore generale dell’Asl No Adriano Giacoletto, il Direttore dell’Aou Mario Minola e il rappresentante dell’Ordine dei Medici Lucio Gatti.

«L’obiettivo di quest’iniziativa – hanno detto – è quello parlare delle problematiche della sanità, ma anche delle prospettive future e dei cambiamenti che si preannunciano a breve, oltre che di questioni importanti come l’assistenza spirituale nei confronti del malato e il “fine vita”. Gli argomenti verranno trattati da esperti del mondo sanitario, da rappresentanti delle Istituzioni e da testimoni dell’universo uomo, dal punto di vista psicologico, spirituale, della salute e dei diritti ad essa connessi».

Relatori degli incontri saranno «esperti del mondo sanitario, rappresentanti delle Istituzioni e testimoni dell’universo uomo, dal punto di vista psicologico, spirituale, della salute e dei diritti ad essa connessi».

“La nostra salute: quale futuro?” vedrà l’intervento del presidente Mari, di Teresa Petrangolini e Alessio Terzi (rispettivamente fondatrice e componente di “Cittadinanza attiva”) per parlare de “I diritti del malato”.

I Direttori Generali dell’Asl No e dell’Aou daranno invece il punto su “La sanità in Piemonte”. Non parteciperà l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta che, per impegni inderogabili, ha dovuto declinare l’invito.

Gli altri incontri si terranno il 18 dicembre (sempre presso l’Aula Magna dell’Aou con il presidente dell’Ordine dei Medici Federico D’Andrea, il direttore del Dipartimento interaziendale di Salute mentale dell’Asl No Domenico Nano e il Vescovo di Novara monsignor Franco Giulio Brambilla) e il 16 gennaio (all’auditorium della Banca popolare di Novara in via Negroni, per affrontare il tema del “fine vita” con figure di spicco della comunità novarese e nazionale).

Lalla Negri

NOVARA - “La nostra salute: quale futuro?” è il titolo del primo incontro di un ciclo di conferenze organizzato dall’associazione Tutela dei diritti del malato in collaborazione con la Regione Piemonte, l’Asl No, l’Azienda ospedaliero-universitaria “Maggiore della Carità” e l’Ordine dei Medici Chirurghi della provincia di Novara e il patrocinio della Fondazione della Comunità del Novarese che si terrà il 13 novembre, alle 15, nell’aula magna dell’Aou in corso Mazzini 18.

L’iniziativa è stata presentata nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il presidente dell’associazione Roberto Mari, il Direttore generale dell’Asl No Adriano Giacoletto, il Direttore dell’Aou Mario Minola e il rappresentante dell’Ordine dei Medici Lucio Gatti.

«L’obiettivo di quest’iniziativa – hanno detto – è quello parlare delle problematiche della sanità, ma anche delle prospettive future e dei cambiamenti che si preannunciano a breve, oltre che di questioni importanti come l’assistenza spirituale nei confronti del malato e il “fine vita”. Gli argomenti verranno trattati da esperti del mondo sanitario, da rappresentanti delle Istituzioni e da testimoni dell’universo uomo, dal punto di vista psicologico, spirituale, della salute e dei diritti ad essa connessi».

Relatori degli incontri saranno «esperti del mondo sanitario, rappresentanti delle Istituzioni e testimoni dell’universo uomo, dal punto di vista psicologico, spirituale, della salute e dei diritti ad essa connessi».

“La nostra salute: quale futuro?” vedrà l’intervento del presidente Mari, di Teresa Petrangolini e Alessio Terzi (rispettivamente fondatrice e componente di “Cittadinanza attiva”) per parlare de “I diritti del malato”.

I Direttori Generali dell’Asl No e dell’Aou daranno invece il punto su “La sanità in Piemonte”. Non parteciperà l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta che, per impegni inderogabili, ha dovuto declinare l’invito.

Gli altri incontri si terranno il 18 dicembre (sempre presso l’Aula Magna dell’Aou con il presidente dell’Ordine dei Medici Federico D’Andrea, il direttore del Dipartimento interaziendale di Salute mentale dell’Asl No Domenico Nano e il Vescovo di Novara monsignor Franco Giulio Brambilla) e il 16 gennaio (all’auditorium della Banca popolare di Novara in via Negroni, per affrontare il tema del “fine vita” con figure di spicco della comunità novarese e nazionale).

Lalla Negri