Altro

“La personalità che ha fatto Centro”: tutti i premiati

“La personalità che ha fatto Centro”: tutti i premiati
Altro 18 Ottobre 2015 ore 10:13

NOVARA - Si è svolta ieri mattina all’albergo Italia la cerimonia di premiazione “La personalità che ha fatto centro”, iniziativa nata dalla Circoscrizione Centro di Novara e curata ora dall’associazione novarese “Quartiere Centro", guidata dal presidente Stefano Ciaramella, in collaborazione con l'associazione Artisolide di Massimo Romani. L’ultima edizione risaliva al 2011. Successivamente, con la soppressione dei consigli circoscrizionali, la manifestazione si era temporaneamente interrotta. Tornata l'anno scorso, la kermesse si pone l'obiettivo di premiare personalità cittadine che “hanno fatto centro” e che si sono particolarmente distinte nel mondo della cultura, del volontariato, dell’imprenditoria e del lavoro, dando lustro al nome di Novara. Le premiazioni si sono svolte alla presenza oltre che degli organizzatori e dei premiati, anche di diverse autorità cittadine tra cui il sindaco di Novara Andrea Ballaré  (le foto sono tratte dalla sua pagina Facebook) e l’assessore alla Cultura Paola Turchelli

Ed ecco i nomi dei premiati con le motivazioni del riconoscimento: generale Giuseppe Gerli, valente militare e uomo dello Stato, cresciuto professionalmente anche all'ombra della nostra Cupola, in mezzo alla gente, al servizio della città e dei cittadini, fino ad arrivare a ricoprire con indiscussa onestà, dedizione, senso del dovere e grandi capacità, prestigiosi incarichi di vertice in seno agli apparati statali; dottoressa Mariella Enoc, tra le imprenditrici più autorevoli nel panorama sanitario e socio-assistenziale italiano, procuratrice speciale dell'ospedale "Valduce" di Como e dell'ospedale "Cottolengo" di Torino, presidente e amministratore delegato della Casa di Cura "I Cedri" di Fara Novarese, prima donna alla presidenza dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, già presidente di Confindustria Piemonte e dell’Ain; architetto Marina Rosa, per il suo ruolo di spicco nel panorama culturale italiano, direttrice della "Villa Reale" di Monza e presidente del centro documentazione residenze reali lombarde, per 30 anni è stata sovrintendente per i beni ambientali e architettonici di Milano; Paolo Morganti, per la tenacia e la volontà che lo hanno portato, negli anni, alla guida del Novara Calcio. Dopo aver mosso i primi passi a bordo campo, ha iniziato una lunga militanza ricoprendo i principali ruoli, sportivi e societari... in primis, quello di giocatore. Con affetto e attaccamento alla maglia, ha scalato le gerarchie azzurre diventando meritatamente Direttore Generale del Novara; Antonio Ferrara, per l'impegno letterario nell'ambito della narrativa per ragazzi; Gianni Zurlo, per il suo impegno imprenditoriale incline alla solidarietà e al territorio. Ha dimostrato grande sensibilità verso il sociale, collaborando di recente ai progetti dell'Associazione Quartiere Centro a favore della ricerca contro la Sla.

cl.br.

NOVARA - Si è svolta ieri mattina all’albergo Italia la cerimonia di premiazione “La personalità che ha fatto centro”, iniziativa nata dalla Circoscrizione Centro di Novara e curata ora dall’associazione novarese “Quartiere Centro", guidata dal presidente Stefano Ciaramella, in collaborazione con l'associazione Artisolide di Massimo Romani. L’ultima edizione risaliva al 2011. Successivamente, con la soppressione dei consigli circoscrizionali, la manifestazione si era temporaneamente interrotta. Tornata l'anno scorso, la kermesse si pone l'obiettivo di premiare personalità cittadine che “hanno fatto centro” e che si sono particolarmente distinte nel mondo della cultura, del volontariato, dell’imprenditoria e del lavoro, dando lustro al nome di Novara. Le premiazioni si sono svolte alla presenza oltre che degli organizzatori e dei premiati, anche di diverse autorità cittadine tra cui il sindaco di Novara Andrea Ballaré  (le foto sono tratte dalla sua pagina Facebook) e l’assessore alla Cultura Paola Turchelli

Ed ecco i nomi dei premiati con le motivazioni del riconoscimento: generale Giuseppe Gerli, valente militare e uomo dello Stato, cresciuto professionalmente anche all'ombra della nostra Cupola, in mezzo alla gente, al servizio della città e dei cittadini, fino ad arrivare a ricoprire con indiscussa onestà, dedizione, senso del dovere e grandi capacità, prestigiosi incarichi di vertice in seno agli apparati statali; dottoressa Mariella Enoc, tra le imprenditrici più autorevoli nel panorama sanitario e socio-assistenziale italiano, procuratrice speciale dell'ospedale "Valduce" di Como e dell'ospedale "Cottolengo" di Torino, presidente e amministratore delegato della Casa di Cura "I Cedri" di Fara Novarese, prima donna alla presidenza dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, già presidente di Confindustria Piemonte e dell’Ain; architetto Marina Rosa, per il suo ruolo di spicco nel panorama culturale italiano, direttrice della "Villa Reale" di Monza e presidente del centro documentazione residenze reali lombarde, per 30 anni è stata sovrintendente per i beni ambientali e architettonici di Milano; Paolo Morganti, per la tenacia e la volontà che lo hanno portato, negli anni, alla guida del Novara Calcio. Dopo aver mosso i primi passi a bordo campo, ha iniziato una lunga militanza ricoprendo i principali ruoli, sportivi e societari... in primis, quello di giocatore. Con affetto e attaccamento alla maglia, ha scalato le gerarchie azzurre diventando meritatamente Direttore Generale del Novara; Antonio Ferrara, per l'impegno letterario nell'ambito della narrativa per ragazzi; Gianni Zurlo, per il suo impegno imprenditoriale incline alla solidarietà e al territorio. Ha dimostrato grande sensibilità verso il sociale, collaborando di recente ai progetti dell'Associazione Quartiere Centro a favore della ricerca contro la Sla.

cl.br.