La podista novarese Yulia Baikova ricoverata alle Molinette di Torino

La podista novarese Yulia Baikova ricoverata alle Molinette di Torino
Altro 07 Febbraio 2015 ore 14:29

TORINO - La podista novarese Yulia Baikova si trova ricoverata da mercoledì in gravissime condizioni alle Molinette di Torino.  I medici l'hanno già sottoposta ad alcuni interventi chirurgici, l'ultimo dei quali è durato diverse ore. La giovane sarebbe stata colpita da un virus influenzale che avrebbe avuto conseguenze devastanti per il suo sistema cardio circolatorio. Yulia, che ha 31 anni e vive a Novara col compagno Vincenzo Bertina, aveva accusato un malore domenica scorsa ed era stata immediatamente trasportata al Pronto Soccorso novarese per  le cure del caso. Ma, visto l'aggravarsi delle condizioni, l'atleta era stata successivamente trasportata alle Molinette, dove si trova tuttora. La situazione rimane molto grave e solo tra qualche giorno si potrà conoscere quale sia stata la natura del male e quanto tempo sarà necessario perchè la giovane, ora sedata, possa riprendersi. 

Sandro Bottelli 

Leggi l’articolo integrale sul Corriere di Novara di sabato 7 febbraio

TORINO - La podista novarese Yulia Baikova si trova ricoverata da mercoledì in gravissime condizioni alle Molinette di Torino.  I medici l'hanno già sottoposta ad alcuni interventi chirurgici, l'ultimo dei quali è durato diverse ore. La giovane sarebbe stata colpita da un virus influenzale che avrebbe avuto conseguenze devastanti per il suo sistema cardio circolatorio. Yulia, che ha 31 anni e vive a Novara col compagno Vincenzo Bertina, aveva accusato un malore domenica scorsa ed era stata immediatamente trasportata al Pronto Soccorso novarese per  le cure del caso. Ma, visto l'aggravarsi delle condizioni, l'atleta era stata successivamente trasportata alle Molinette, dove si trova tuttora. La situazione rimane molto grave e solo tra qualche giorno si potrà conoscere quale sia stata la natura del male e quanto tempo sarà necessario perchè la giovane, ora sedata, possa riprendersi. 

Sandro Bottelli 

Leggi l’articolo integrale sul Corriere di Novara di sabato 7 febbraio