“Memorie Russe”, oltre 1.800 partecipanti per la prima edizione della rassegna letteraria

“Memorie Russe”, oltre 1.800 partecipanti per la prima edizione della rassegna letteraria
27 Gennaio 2015 ore 22:19

NOVARA – “Una scommessa vinta” come è stata definita dagli organizzatori quella di “Memorie russe”, la rassegna letteraria la cui prima edizione si è chiusa lunedì 26 gennaio. Il percorso dedicato ai grandi classici della letteratura russa è stato promosso da Fondazione Teatro Coccia all’interno dell’Azione “La città portata di mano” del progetto “Cultura e Aree Urbane – Sistema Culturale e Casa Bossi”, finanziato da Fondazione Cariplo e realizzato in collaborazione con Assessorato alla Cultura del Comune di Novara e Biblioteca Civica Negroni. A condurre i cinque incontri (al mattino negli istituti superiori per gli studenti e al pomeriggio in altre location aperti a tutti) gli attori Leonardo Bucciardini e Daniele Bacci della Compagnia Venti Lucenti di Firenze. Si è potuto così “rileggere” grandi classici come “Guerra e Pace”, “Il canto dell’amore trionfante” e poi ancora “Anna Karenina”, “Delitto e Castigo”, “L’Idiota”, “I Demoni” e “I Fratelli Karamazov”.

NOVARA – “Una scommessa vinta” come è stata definita dagli organizzatori quella di “Memorie russe”, la rassegna letteraria la cui prima edizione si è chiusa lunedì 26 gennaio. Il percorso dedicato ai grandi classici della letteratura russa è stato promosso da Fondazione Teatro Coccia all’interno dell’Azione “La città portata di mano” del progetto “Cultura e Aree Urbane – Sistema Culturale e Casa Bossi”, finanziato da Fondazione Cariplo e realizzato in collaborazione con Assessorato alla Cultura del Comune di Novara e Biblioteca Civica Negroni. A condurre i cinque incontri (al mattino negli istituti superiori per gli studenti e al pomeriggio in altre location aperti a tutti) gli attori Leonardo Bucciardini e Daniele Bacci della Compagnia Venti Lucenti di Firenze. Si è potuto così “rileggere” grandi classici come “Guerra e Pace”, “Il canto dell’amore trionfante” e poi ancora “Anna Karenina”, “Delitto e Castigo”, “L’Idiota”, “I Demoni” e “I Fratelli Karamazov”.

Evidente la risposta degli allievi delle scuole (Liceo classico “Carlo Alberto”, Liceo artistico, musicale e coreutico “Felice Casorati”, Itis “Fauser”, Liceo delle scienze umane “Bellini” e Istituto Salesiano “San Lorenzo”) che hanno dimostrato grande attenzione e molto importante (sia per numeri sia per soddisfazione) quella dei cittadini che hanno affollato tutti gli incontri del pomeriggio.  Circa 1.000, infatti, sono stati gli alunni coinvolti e circa 800 i partecipanti intervenuti agli incontri pomeridiani

Gli incontri pomeridiani sono stati anche occasione per aprire alla città luoghi insoliti: location degli incontri sono stati, infatti, l’Archivio di Stato, il Palcoscenico del Teatro Coccia, la Sala Consiliare di Palazzo Natta, la Sala della Maddalena del Palazzo dei Vescovi e i locali della Caffetteria del Broletto.

Ma non finisce qui: dopo il successo della prima edizione, gli organizzatori hanno confermato che l’iniziativa sarà riproposta alla città.

v.s.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Gite in treno
Curiosità