Menù del giorno, minestra e verdure

Menù del giorno, minestra e verdure
Altro 19 Marzo 2015 ore 13:30

Come si mangia a scuola?  Continua il nostro lavoro di approfondimento sul tema della refezione scolastica. Avevamo detto che saremmo andati a pranzo nelle mense delle scuole per cercare di capire in che termini i problemi segnalati a più riprese dai genitori potessero trovare riscontro. Sotto accusa principalmente il cibo servito freddo, a tratti scarso di qualità e quantità con dei tempi di somministrazione, sempre a detta dei genitori, troppo ristretti soprattutto nelle scuole grandi che prevedono tre turni.
Ieri, mercoledì 18 marzo, a pranzo, accompagnati dall’assessore all’Istruzione Margherita Patti siamo andati, a sorpresa, alla scuola primaria “Don Ponzetto” dell’Istituto comprensivo “Bellini”. Una scelta trasparente quella dell’assessore che senza alcun preavviso ha accettato di andare in una scuola qualsiasi con il menu del giorno  con la consapevolezza che avremmo potuto trovare le lasagne, tanto decantate, ma anche l’altrettanto tanto temuto uovo sodo che, riscaldato, al taglio si presenta un po’ nero verdastro... 
Invece nel menù c’è minestrina di riso con ceci e polpettina di verdura. La frutta del giorno, una banana, viene invece servita per scelta come merenda a metà mattina e non come conclusione del pranzo. Il cibo è di buona qualità, gli abbinamenti bilanciati ma i bambini non sono particolarmente contenti. 

Clarissa Brusati

Leggi il servizio sul Corriere di Novara di giovedì 19 marzo 

Come si mangia a scuola?  Continua il nostro lavoro di approfondimento sul tema della refezione scolastica. Avevamo detto che saremmo andati a pranzo nelle mense delle scuole per cercare di capire in che termini i problemi segnalati a più riprese dai genitori potessero trovare riscontro. Sotto accusa principalmente il cibo servito freddo, a tratti scarso di qualità e quantità con dei tempi di somministrazione, sempre a detta dei genitori, troppo ristretti soprattutto nelle scuole grandi che prevedono tre turni.
Ieri, mercoledì 18 marzo, a pranzo, accompagnati dall’assessore all’Istruzione Margherita Patti siamo andati, a sorpresa, alla scuola primaria “Don Ponzetto” dell’Istituto comprensivo “Bellini”. Una scelta trasparente quella dell’assessore che senza alcun preavviso ha accettato di andare in una scuola qualsiasi con il menu del giorno  con la consapevolezza che avremmo potuto trovare le lasagne, tanto decantate, ma anche l’altrettanto tanto temuto uovo sodo che, riscaldato, al taglio si presenta un po’ nero verdastro... 
Invece nel menù c’è minestrina di riso con ceci e polpettina di verdura. La frutta del giorno, una banana, viene invece servita per scelta come merenda a metà mattina e non come conclusione del pranzo. Il cibo è di buona qualità, gli abbinamenti bilanciati ma i bambini non sono particolarmente contenti. 

Clarissa Brusati

Leggi il servizio sul Corriere di Novara di giovedì 19 marzo