Altro

Momo, bocciato il nuovo impianto rifiuti

Momo, bocciato il nuovo impianto rifiuti
Altro 07 Aprile 2016 ore 13:59

Respinto il progetto di Smr Ecologia anche dalla Conferenza dei servizi di ieri, mercoledì 6 febbraio. Hanno detto ‘no’ anche gli enti predisposti alle autorizzazion itra i quali Provincia, Arpa e Asl, oltre al “no” già sottolineato a gran voce dall’Amministrazione comunale. L’impianto di riciclo rifiuti non pericolosi non verrà fatto in via Schaeffler. Già durante il Consiglio comunale convocato lunedì 4 aprile l’Amministrazione aveva deliberato all’unanimità contro il progetto. Durante la serata, al fianco del sindaco, anche l’ingegnere Massara a cui il Comune si era rivolto per un parere tecnico. «Ribadiamo la volontà dell’amministrazione comunale: la salute dei 

Respinto il progetto di Smr Ecologia anche dalla Conferenza dei servizi di ieri, mercoledì 6 febbraio. Hanno detto ‘no’ anche gli enti predisposti alle autorizzazion itra i quali Provincia, Arpa e Asl, oltre al “no” già sottolineato a gran voce dall’Amministrazione comunale. L’impianto di riciclo rifiuti non pericolosi non verrà fatto in via Schaeffler. Già durante il Consiglio comunale convocato lunedì 4 aprile l’Amministrazione aveva deliberato all’unanimità contro il progetto. Durante la serata, al fianco del sindaco, anche l’ingegnere Massara a cui il Comune si era rivolto per un parere tecnico. «Ribadiamo la volontà dell’amministrazione comunale: la salute dei cittadini prima di qualsiasi tipo di benefit, non vogliamo nessun impianto di riciclo rifiuti né alcun tipo di stoccaggio sul nostro territorio», così si era pronunciata il sindaco Michela Leoni aprendo la seduta. Una seduta straordinaria per deliberare la posizione dell’Amministrazione nei confronti del progetto proposto da Smr e portare il parere anche alla Conferenza dei servizi. Una mozione presentata dal vice sindaco e votata da tutta la maggioranza per ribadire la contrarietà a questo tipo di impianti e la volontà di valorizzare i sitic ulturali e le caratteristiche agricole di Momo. Importante l’intervento dell’ingegner Massara: «Non è un progetto completo, manca di alcune parti fondamentali –aveva sottolineato – mancano molti elaborati grafici, mancano i dati economici, manca l’attenzione alla logistica de imezzi in entrata e in uscita, così come un piano di emergenza nelc aso in cui i macchinari dovessero fermarsi. Non c’è un piano antincendio né un piano per l’eliminazione degli odori. Le carenze progettuali sono evidenti, così non può andare». La delibera è stata resa immediatamente esecutiva e allegata ai documenti della Conferenza dei servizi, dove il progetto è stato definitivamente rigettato. «Una grandes oddisfazione – il commento degli amministratori – Vogliamo ringraziare tutte le persone che hanno aiutato a raggiungerequesto obiettivo».

Silvia Biasio