Mostra collettiva di Mainini, Ghisolfo e Legnazzi: un successo

Mostra collettiva di Mainini, Ghisolfo e Legnazzi: un successo
Altro 30 Marzo 2015 ore 23:04

NOVARA - Ha riscontrato un successo di pubblico inaspettato la mostra collettiva degli artisti novaresi Enzo Mainini, Barbara Legnazzi e Paolo Ghisolfo, allestita nei locali del centro culturale La Canonica, nell'omonimo vicolo.

Tre pittori diversi ma uniti da un denominatore comune. "Si tratta infatti di tre autodidatti che hanno seguito percorsi di formazione simili - ricorda la presidente del Centro Culturale La Canonica Rossella Lombardi – tre nomi dell’arte novarese, che, attraverso stili diversi, hanno raggiunto traguardi importanti nel campo dell'informale, contribuendo a tenere alto il nome di Novara".

Barbara Legnazzi si è avvicinata all'arte in età matura partendo dall'amore per la musica bossa nova. Le sue opere sono esposte in modo permanente al museo MIIT di Torino; numerose le partecipazioni a eventi di rilievo nazionale e internazionale. Enzo Mainini ha partecipato a eventi e concorsi nei quali si è distinto per l’estro innovatore e l’originalità espressiva, da dall'utilizzo di materiali insoliti come il catrame utilizzato per asfaltare le strade. Paolo Ghisolfo invece si è appassionato all'arte alla tenera età di 15 anni, lavorando in fabbrica e sviluppando in particolar modo l'amore per il colore. E sta proprio nella diversità degli stili e dei profili estetici il segreto del successo dell'ultima iniziativa, così come evidenziato anche dal critico d'arte Miriam Giustizieri, intervenuta in occasione del vernissage.

"Enzo Mainini ci mostra ciò che risiede dentro la materia e con le sue combustioni ci mostra ciò che accade tramite le trasformazioni chimico-fisiche, svelando l'energia magmatica che risiede nella sua pittura. Barbara Legnazzi mette in luce un senso scultoreo e organico che ridefinisce e ripensa lo spazio. Paolo Ghisolfo valorizza il senso lirico dei colori in cui la materia cromatica si apre ai sistemi che regolano l'universo".

mo.c.


NOVARA - Ha riscontrato un successo di pubblico inaspettato la mostra collettiva degli artisti novaresi Enzo Mainini, Barbara Legnazzi e Paolo Ghisolfo, allestita nei locali del centro culturale La Canonica, nell'omonimo vicolo.

Tre pittori diversi ma uniti da un denominatore comune. "Si tratta infatti di tre autodidatti che hanno seguito percorsi di formazione simili - ricorda la presidente del Centro Culturale La Canonica Rossella Lombardi – tre nomi dell’arte novarese, che, attraverso stili diversi, hanno raggiunto traguardi importanti nel campo dell'informale, contribuendo a tenere alto il nome di Novara".

Barbara Legnazzi si è avvicinata all'arte in età matura partendo dall'amore per la musica bossa nova. Le sue opere sono esposte in modo permanente al museo MIIT di Torino; numerose le partecipazioni a eventi di rilievo nazionale e internazionale. Enzo Mainini ha partecipato a eventi e concorsi nei quali si è distinto per l’estro innovatore e l’originalità espressiva, da dall'utilizzo di materiali insoliti come il catrame utilizzato per asfaltare le strade. Paolo Ghisolfo invece si è appassionato all'arte alla tenera età di 15 anni, lavorando in fabbrica e sviluppando in particolar modo l'amore per il colore. E sta proprio nella diversità degli stili e dei profili estetici il segreto del successo dell'ultima iniziativa, così come evidenziato anche dal critico d'arte Miriam Giustizieri, intervenuta in occasione del vernissage.

"Enzo Mainini ci mostra ciò che risiede dentro la materia e con le sue combustioni ci mostra ciò che accade tramite le trasformazioni chimico-fisiche, svelando l'energia magmatica che risiede nella sua pittura. Barbara Legnazzi mette in luce un senso scultoreo e organico che ridefinisce e ripensa lo spazio. Paolo Ghisolfo valorizza il senso lirico dei colori in cui la materia cromatica si apre ai sistemi che regolano l'universo".

mo.c.