Nuove piante nei parchi del centro di Novara

Nuove piante nei parchi del centro di Novara
Altro 28 Luglio 2015 ore 16:37

NOVARA - Saranno piantumate nella stagione autunnale, quella più adeguata per la messa a dimora delle essenze, trenta nuovi alberi che andranno a rinfoltire la dotazione di tre zone verdi del centro città. Si tratta del Parco Vittorio Veneto (tra la Questura e il Parco dei bambini "Marcella Balconi"), l'area di sgambamento cani di viale Buonarroti e largo Bellini. 
Proprio in queste tre aree, in questi giorni, dieci alberi vengono abbattuti per motivi di sicurezza. Nei mesi scorsi, infatti,  su richiesta di cittadini e a seguito di controlli dell'Unità Progettazione e Manutenzione Verde Pubblico sono state effettuate verifiche di stabilità di gruppi di piante presenti in varie aree pubbliche comunali, tra le quali queste tre aree. 
Le verifiche vengono effettuate con un modernissimo metodo di valutazione, il metodo VTA. 
Tutte le piante da abbattere (una Celtis, un Pioppo Cipressino, una Gledizia e un Acero nei Giardini Vittorio Veneto; tre Aceri nell'area di sgambamento di viale Buonarroti e tre platani in largo Bellini) risultano potenzialmente pericolose per la pubblica incolumità, perché a rischio di schianti o di rotture in presenza di temporali o vento. 
È opportuno ribadire che gli abbattimenti di piante la cui stabilità è compromessa, sono obbligatori ai sensi di legge. 
«Interveniamo - spiega l'assessore all'ambiente Giulio Rigotti - per tutelare la salute e l'incolumità dei cittadini, senza dimenticare la necessità di non depauperare il patrimonio verde di Novara. Le nuove piantumazioni andranno quindi a sostituire (in proporzione di tre a 1) le piante abbattute» 
I controlli sullo stato di salute del patrimonio arboreo del Comune continuano costantemente in tutte le zone della città. 
v.s.

NOVARA - Saranno piantumate nella stagione autunnale, quella più adeguata per la messa a dimora delle essenze, trenta nuovi alberi che andranno a rinfoltire la dotazione di tre zone verdi del centro città. Si tratta del Parco Vittorio Veneto (tra la Questura e il Parco dei bambini "Marcella Balconi"), l'area di sgambamento cani di viale Buonarroti e largo Bellini. 
Proprio in queste tre aree, in questi giorni, dieci alberi vengono abbattuti per motivi di sicurezza. Nei mesi scorsi, infatti,  su richiesta di cittadini e a seguito di controlli dell'Unità Progettazione e Manutenzione Verde Pubblico sono state effettuate verifiche di stabilità di gruppi di piante presenti in varie aree pubbliche comunali, tra le quali queste tre aree. 
Le verifiche vengono effettuate con un modernissimo metodo di valutazione, il metodo VTA. 
Tutte le piante da abbattere (una Celtis, un Pioppo Cipressino, una Gledizia e un Acero nei Giardini Vittorio Veneto; tre Aceri nell'area di sgambamento di viale Buonarroti e tre platani in largo Bellini) risultano potenzialmente pericolose per la pubblica incolumità, perché a rischio di schianti o di rotture in presenza di temporali o vento. 
È opportuno ribadire che gli abbattimenti di piante la cui stabilità è compromessa, sono obbligatori ai sensi di legge. 
«Interveniamo - spiega l'assessore all'ambiente Giulio Rigotti - per tutelare la salute e l'incolumità dei cittadini, senza dimenticare la necessità di non depauperare il patrimonio verde di Novara. Le nuove piantumazioni andranno quindi a sostituire (in proporzione di tre a 1) le piante abbattute» 
I controlli sullo stato di salute del patrimonio arboreo del Comune continuano costantemente in tutte le zone della città. 
v.s.