Nuove possibilità da Regione ed Europa per il servizio civile

Nuove possibilità da Regione ed Europa per il servizio civile
Altro 04 Maggio 2015 ore 17:00

NOVARA - La consigliera delegata alle Politiche giovanili della Provincia di Novara Laura Noro ha incontrato i ragazzi che hanno concluso il Servizio civile e quelli che a breve avvieranno i tirocini nell’ambito del progetto Garanzia giovani.
“Un momento di confronto molto importante – commenta Noro – per capire gli aspetti che hanno maggiormente funzionato e quelli da migliorare. Dall’incontro è emerso chiaramente come, nell’idea dei ragazzi, il Servizio civile rappresenti soprattutto una possibilità formativa e un primo approccio al mondo del lavoro, viste la forti difficoltà di inserimento che incontrano”.
Noro nel suo intervento ha ribadito l’importanza della progettazione e dell’accreditamento: “Gli Enti e le associazioni devono cogliere l’opportunità del Servizio civile e della Garanzia giovani, presentando progetti efficaci, che servano a loro e ai ragazzi. Diversi Enti non riescono a progettare e questa è una possibilità persa per i nostri ragazzi che hanno così meno possibilità a disposizione. Su questo aspetto gli Uffici della Provincia sono a disposizione per informazioni e supporto”. 
Se il servizio civile è da intendersi come volontariato retribuito, Garanzia giovani è un progetto indirizzato ai cosiddetti Neet, ovvero i giovani che non studiano, non lavorano e non sono in formazione professionale. “La difficoltà nell’inserimento lavorativo ha portato ad avere ragazzi che fanno il Servizio civile laureati, alcuni addirittura con un dottorato – spiega Noro – questa forte qualificazione snatura in parte la componente etica e di ‘obiezione di coscienza’ che dovrebbe essere alla base di questa attività a cavallo tra volontariato e lavoro”.
Al momento sono in corso le selezioni per il Servizio civile 2015 (pervenute circa 400 domande per una ventina di posti). Intanto si fanno strada anche nuove possibilità: il Servizio civile regionale e quello Europeo. L’argomento sarà al centro di un incontro pubblico di approfondimento programmato per il 6 maggio nella sala consigliare di Palazzo Natta, dalle 9 alle 13, interverranno l’assessore regionale alle Politiche sociali Augusto Ferrari e la consigliera provinciale Laura Noro.
mo.c.

 

NOVARA - La consigliera delegata alle Politiche giovanili della Provincia di Novara Laura Noro ha incontrato i ragazzi che hanno concluso il Servizio civile e quelli che a breve avvieranno i tirocini nell’ambito del progetto Garanzia giovani.
“Un momento di confronto molto importante – commenta Noro – per capire gli aspetti che hanno maggiormente funzionato e quelli da migliorare. Dall’incontro è emerso chiaramente come, nell’idea dei ragazzi, il Servizio civile rappresenti soprattutto una possibilità formativa e un primo approccio al mondo del lavoro, viste la forti difficoltà di inserimento che incontrano”.
Noro nel suo intervento ha ribadito l’importanza della progettazione e dell’accreditamento: “Gli Enti e le associazioni devono cogliere l’opportunità del Servizio civile e della Garanzia giovani, presentando progetti efficaci, che servano a loro e ai ragazzi. Diversi Enti non riescono a progettare e questa è una possibilità persa per i nostri ragazzi che hanno così meno possibilità a disposizione. Su questo aspetto gli Uffici della Provincia sono a disposizione per informazioni e supporto”. 
Se il servizio civile è da intendersi come volontariato retribuito, Garanzia giovani è un progetto indirizzato ai cosiddetti Neet, ovvero i giovani che non studiano, non lavorano e non sono in formazione professionale. “La difficoltà nell’inserimento lavorativo ha portato ad avere ragazzi che fanno il Servizio civile laureati, alcuni addirittura con un dottorato – spiega Noro – questa forte qualificazione snatura in parte la componente etica e di ‘obiezione di coscienza’ che dovrebbe essere alla base di questa attività a cavallo tra volontariato e lavoro”.
Al momento sono in corso le selezioni per il Servizio civile 2015 (pervenute circa 400 domande per una ventina di posti). Intanto si fanno strada anche nuove possibilità: il Servizio civile regionale e quello Europeo. L’argomento sarà al centro di un incontro pubblico di approfondimento programmato per il 6 maggio nella sala consigliare di Palazzo Natta, dalle 9 alle 13, interverranno l’assessore regionale alle Politiche sociali Augusto Ferrari e la consigliera provinciale Laura Noro.
mo.c.