Nuovi bagni per i piccoli della Galvani

Nuovi bagni per i piccoli della Galvani
Altro 03 Luglio 2015 ore 22:09

NOVARA – Bagni completamente rinnovati alla scuola dell’infanzia Galvani: nella mattina di oggi si è svolto un sopralluogo con il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Nicola Fonzo, il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo “Achille Boroli” Domenico Bresich, l’architetto responsabile del progetto Patrizia Margaroli e due rappresentanti dell’impresa Ferri di Garbagna Novarese che ha svolto i lavori.
“Per questo intervento di edilizia scolastica sono stati utilizzati 141.000 euro provenienti dal programma del Governo “Scuole sicure” – ha spiegato Fonzo – Sono stati rifatti i bagni della scuola d’infanzia ed è stato rifatto anche un bagno per disabili nella scuola primaria. Per noi la scuola è una priorità e anche questo intervento lo dimostra”. Soddisfatto il dirigente scolastico: “Non si può fare una buona scuola senza buone strutture – ha commentato – E’ stato un lavoro molto lungo e impegnativo ma i risultati sono molto positivi”.

Valentina Sarmenghi

NOVARA – Bagni completamente rinnovati alla scuola dell’infanzia Galvani: nella mattina di oggi si è svolto un sopralluogo con il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Nicola Fonzo, il dirigente scolastico dell’istituto comprensivo “Achille Boroli” Domenico Bresich, l’architetto responsabile del progetto Patrizia Margaroli e due rappresentanti dell’impresa Ferri di Garbagna Novarese che ha svolto i lavori.
“Per questo intervento di edilizia scolastica sono stati utilizzati 141.000 euro provenienti dal programma del Governo “Scuole sicure” – ha spiegato Fonzo – Sono stati rifatti i bagni della scuola d’infanzia ed è stato rifatto anche un bagno per disabili nella scuola primaria. Per noi la scuola è una priorità e anche questo intervento lo dimostra”. Soddisfatto il dirigente scolastico: “Non si può fare una buona scuola senza buone strutture – ha commentato – E’ stato un lavoro molto lungo e impegnativo ma i risultati sono molto positivi”.

Valentina Sarmenghi