Più sale per la Cultura. Verso Expo

Più sale per la Cultura. Verso Expo
14 Febbraio 2015 ore 02:07

NOVARA – Più sale per la Cultura. Un dilemma che “assilla” il territorio (e il capoluogo). Da sempre. Ancora recentemente, in occasione dell’incontro con le associazioni inserito nel percorso del Sistema Culturale Urbano, questa è stata una delle criticità messe in luce dagli addetti ai lavori. Due nuovi spazi saranno tenuti a battesimo in occasione di Expo nell’ambito del Sistema Culturale Integrato finanziato da un bando di Fondazione Cariplo (capofila è la Provincia): a Novara, con la “Sala Casorati”, e a Meina dove a Villa Faraggiana aprirà il Museo. La Palestra del Liceo Musicale Artistico e Coreutico “Felice Casorati”, di proprietà della Provincia di Novara, è oggetto di ristrutturazione per essere trasformata in una sede di eventi, esposizioni artistiche – culturali nel cuore della città: la “Sala Casorati” è uno spazio di 200 metri quadrati, con accesso da via Silvio Pellico. Il recupero architettonico consentirà di mantenere gli elementi di pregio, come il soffitto rivestito, le antiche travi in legno e le colonne rivestite in laterizio. La sala diventerà un prezioso contenitore culturale a servizio della città di Novara e sarà inaugurato nel mese di maggio con un calendario di eventi inserito nell’ambito delle iniziative per Expo. Ci spostiamo sul lago per l’altro contenitore: il Museo di Villa Faraggiana a Meina. La struttura è stata sottoposta a un’importante opera di restauro: le opere sono terminate e ora si è al lavoro per riempire gli spazi di contenuti e proposte culturali. «E proprio la Provincia – spiegano dall’ufficio stampa – intende creare a Meina, attorno a Villa Faraggiana e al suo museo, un luogo attrattivo da utilizzare per Expo, accanto alle manifestazioni che avranno come fulcro principale la città di Novara». Nei giorni scorsi il sindaco di Meina Fabrizio Barbieri e il consigliere Camilla Ferraro hanno incontrato il presidente della Provincia Matteo Besozzi per fare il punto della situazione. Il Museo sarà uno dei contenitori culturali legati a Expo: accoglierà mostre temporanee e uno spazio permanente dedicato alla storia della famiglia Faraggiana. L’intento è anche quello di aprire ai turisti Villa Faraggiana in concomitanza dell’evento internazionale che Milano ospiterà.

Eleonora Groppetti[:ARGFORM:]

NOVARA – Più sale per la Cultura. Un dilemma che “assilla” il territorio (e il capoluogo). Da sempre. Ancora recentemente, in occasione dell’incontro con le associazioni inserito nel percorso del Sistema Culturale Urbano, questa è stata una delle criticità messe in luce dagli addetti ai lavori. Due nuovi spazi saranno tenuti a battesimo in occasione di Expo nell’ambito del Sistema Culturale Integrato finanziato da un bando di Fondazione Cariplo (capofila è la Provincia): a Novara, con la “Sala Casorati”, e a Meina dove a Villa Faraggiana aprirà il Museo. La Palestra del Liceo Musicale Artistico e Coreutico “Felice Casorati”, di proprietà della Provincia di Novara, è oggetto di ristrutturazione per essere trasformata in una sede di eventi, esposizioni artistiche – culturali nel cuore della città: la “Sala Casorati” è uno spazio di 200 metri quadrati, con accesso da via Silvio Pellico. Il recupero architettonico consentirà di mantenere gli elementi di pregio, come il soffitto rivestito, le antiche travi in legno e le colonne rivestite in laterizio. La sala diventerà un prezioso contenitore culturale a servizio della città di Novara e sarà inaugurato nel mese di maggio con un calendario di eventi inserito nell’ambito delle iniziative per Expo. Ci spostiamo sul lago per l’altro contenitore: il Museo di Villa Faraggiana a Meina. La struttura è stata sottoposta a un’importante opera di restauro: le opere sono terminate e ora si è al lavoro per riempire gli spazi di contenuti e proposte culturali. «E proprio la Provincia – spiegano dall’ufficio stampa – intende creare a Meina, attorno a Villa Faraggiana e al suo museo, un luogo attrattivo da utilizzare per Expo, accanto alle manifestazioni che avranno come fulcro principale la città di Novara». Nei giorni scorsi il sindaco di Meina Fabrizio Barbieri e il consigliere Camilla Ferraro hanno incontrato il presidente della Provincia Matteo Besozzi per fare il punto della situazione. Il Museo sarà uno dei contenitori culturali legati a Expo: accoglierà mostre temporanee e uno spazio permanente dedicato alla storia della famiglia Faraggiana. L’intento è anche quello di aprire ai turisti Villa Faraggiana in concomitanza dell’evento internazionale che Milano ospiterà.

Eleonora Groppetti

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità