Quarta edizione del premio GiovedìScienza a ricercatore novarese

Quarta edizione del premio GiovedìScienza a ricercatore novarese
Altro 20 Maggio 2015 ore 06:30

NOVARA – Un ricercatore attivo al Dipartimento di Scienze del Farmaco di Novara dell’Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro, Alberto Massarotti, ha vinto negli scorsi giorni la quarta edizione del premio “GiovedìScienza”, rivolto ai giovani ricercatori (under 35) più meritevoli e assegnato in occasione dell’omonima rassegna di divulgazione scientifica che, dal 1987, si tiene, ogni giovedì, al teatro Colosseo di Torino.

Massarotti è stato il primo ricercatore Upo che in questi anni si è guadagnato l'accesso alla fase chiamata "La competizione" del premio GiovedìScienza, cui accedono i dieci migliori ricercatori. Il progetto che lo ha portato alla vittoria tratta “Lo spazio chimico nascosto. Come un'intelligenza artificiale trova nuove vie per costruire nuovi farmaci”. 

Originario di Gattinara, il dottor Massarotti ha già ricevuto importanti riconoscimenti: nel gennaio 2015, durante la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico, l'Università del Piemonte Orientale lo ha premiato come il più giovane ricercatore con il più alto Impact Factor nelle discipline scientifiche.

È un ricercatore totalmente targato Upo, perché vi ha conseguito la laurea triennale in Biotecnologie, la magistrale in Biotecnologie mediche e farmaceutiche e il dottorato di ricerca. Fa ricerca nel settore scientifico-disciplinare di Chimica farmaceutica presso il Dipartimento di Scienze del farmaco e i suoi interessi riguardano lo sviluppo di nuove metodiche computazionali per l'individuazione di nuovi lead compounds e lo studio in silico di molecole biologicamente attive. 

Nel 2013-14 ha pubblicato sette articoli su riviste internazionali e totalizzato 21 citazioni. È anche cofondatore di IXtal, uno spin-off universitario dell’incubatore d’impresa Enne3, che opera nel campo delle scienze delle proteine e nella fornitura di servizi e prodotti relativi alla loro produzione e purificazione.

mo.c.


NOVARA – Un ricercatore attivo al Dipartimento di Scienze del Farmaco di Novara dell’Università del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro, Alberto Massarotti, ha vinto negli scorsi giorni la quarta edizione del premio “GiovedìScienza”, rivolto ai giovani ricercatori (under 35) più meritevoli e assegnato in occasione dell’omonima rassegna di divulgazione scientifica che, dal 1987, si tiene, ogni giovedì, al teatro Colosseo di Torino.

Massarotti è stato il primo ricercatore Upo che in questi anni si è guadagnato l'accesso alla fase chiamata "La competizione" del premio GiovedìScienza, cui accedono i dieci migliori ricercatori. Il progetto che lo ha portato alla vittoria tratta “Lo spazio chimico nascosto. Come un'intelligenza artificiale trova nuove vie per costruire nuovi farmaci”. 

Originario di Gattinara, il dottor Massarotti ha già ricevuto importanti riconoscimenti: nel gennaio 2015, durante la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico, l'Università del Piemonte Orientale lo ha premiato come il più giovane ricercatore con il più alto Impact Factor nelle discipline scientifiche.

È un ricercatore totalmente targato Upo, perché vi ha conseguito la laurea triennale in Biotecnologie, la magistrale in Biotecnologie mediche e farmaceutiche e il dottorato di ricerca. Fa ricerca nel settore scientifico-disciplinare di Chimica farmaceutica presso il Dipartimento di Scienze del farmaco e i suoi interessi riguardano lo sviluppo di nuove metodiche computazionali per l'individuazione di nuovi lead compounds e lo studio in silico di molecole biologicamente attive. 

Nel 2013-14 ha pubblicato sette articoli su riviste internazionali e totalizzato 21 citazioni. È anche cofondatore di IXtal, uno spin-off universitario dell’incubatore d’impresa Enne3, che opera nel campo delle scienze delle proteine e nella fornitura di servizi e prodotti relativi alla loro produzione e purificazione.

mo.c.