Altro

"Senza un lavoro la vita non è normale", ecco le opportunità per dializzati

"Senza un lavoro la vita non è normale", ecco le opportunità per dializzati
Altro 27 Aprile 2016 ore 12:52

BORGOMANERO - Entrare nel mercato del lavoro per chi è portatore di handicap o di qualche svantaggio è una sfida spesso impossibile. Queste difficoltà sono ben note alla Cooperativa Lavoro Malgrado Tutto di Borgomanero che, da anni sul territorio, si occupa d’inserimento lavorativo di persone svantaggiate così come ai medici ed infermieri che hanno in cura i malati dializzati o trapiantati.

"Far vivere i malati grazie alla dialisi e con il trapianto è certamente un grande risultato della medicina ma senza la dignità e l’autonomia economica derivante dal lavoro, la fatica di restituire la cosiddetta normalità alla vita di un paziente, risulta incompleta". Questa è la constatazione che ha spinto l’Associazione Pronefropatici - Fiorenzo Alliata di Borgomanero presieduta dal dott. Augusto Cavagnino, la Struttura Complessa di Nefrologia dell’Ospedale di Borgomanero diretta dal dottor Stefano Cusinato e la Cooperativa Sociale Lavoro Malgrado Tutto di Borgomanero ad avviare un nuovo progetto di inserimento lavoro per persone trapiantate e dializzate; iniziativa che ha beneficiato del sostegno indispensabile della Fond

BORGOMANERO - Entrare nel mercato del lavoro per chi è portatore di handicap o di qualche svantaggio è una sfida spesso impossibile. Queste difficoltà sono ben note alla Cooperativa Lavoro Malgrado Tutto di Borgomanero che, da anni sul territorio, si occupa d’inserimento lavorativo di persone svantaggiate così come ai medici ed infermieri che hanno in cura i malati dializzati o trapiantati.

"Far vivere i malati grazie alla dialisi e con il trapianto è certamente un grande risultato della medicina ma senza la dignità e l’autonomia economica derivante dal lavoro, la fatica di restituire la cosiddetta normalità alla vita di un paziente, risulta incompleta". Questa è la constatazione che ha spinto l’Associazione Pronefropatici - Fiorenzo Alliata di Borgomanero presieduta dal dott. Augusto Cavagnino, la Struttura Complessa di Nefrologia dell’Ospedale di Borgomanero diretta dal dottor Stefano Cusinato e la Cooperativa Sociale Lavoro Malgrado Tutto di Borgomanero ad avviare un nuovo progetto di inserimento lavoro per persone trapiantate e dializzate; iniziativa che ha beneficiato del sostegno indispensabile della Fondazione Comunitaria del Novarese Onlus attraverso il “Bando Prospettiva 2015”, oltre che di imprenditori locali, e soggetti privati.

L’importo del progetto è di € 24.000 di cui € 12.000, sono stati reperiti dall’Associazione e depositati sul Fondo presso la Fondazione della Comunità Novarese che, a sua volta, integrerà il restante 50% ed elargirà la somma complessiva.

Quattro, ad ora, i soggetti, inseriti in un percorso lavorativo di sei mesi; i primi due dei quali hanno cominciato lo scorso 11 aprile. Per trasparenza è stata costituita una commissione presieduta da Luciano Chiesa e composta da altri 4 membri (Rosa Zanetta, Piero Porta, Sergio Cicuto, Roberto Secci) che hanno provveduto alla raccolta delle domande nel rispetto del regolamento interno, e alla valutazione dei candidati secondo gli indicatori economico sociali (ISEE).

Per i primi sei mesi sono stati assunti (per 20 ore settimanali) Simel Baba e Viviana Vasina mentre Manuel De Caro e Alberico Bellingardo saranno assunti, per sei mesi, a partire dall’11 ottobre 2016.

A tutti e quattro i soggetti saranno assegnate borse al lavoro per la produzione e lavorazione di prodotti alimentari del territorio e lavori di minuteria presso la cooperativa “Lavoro Malgrado Tutto” di Borgomanero. L’iniziativa non si concluderà con l’erogazione delle borsa lavoro ma ha l’obiettivo di creare una nuova linea di lavoro che garantisca opportunità concrete nel tempo.

l.pa.