Strisce blu: Musa slitta al 2 febbraio

Strisce blu: Musa slitta al 2 febbraio
08 Gennaio 2015 ore 11:36

NOVARA – Slitta l’inizio dell’applicazione del nuovo piano della sosta e della mobilità, ovvero di Musa, per una serie di leggeri ritardi nel rifacimento della segnaletica e nell’applicazione dei nuovi parcometri: non più il prossimo 19 gennaio, ma due settimane dopo, cioè dal  2 febbraio.

NOVARA – Slitta l’inizio dell’applicazione del nuovo piano della sosta e della mobilità, ovvero di Musa, per una serie di leggeri ritardi nel rifacimento della segnaletica e nell’applicazione dei nuovi parcometri: non più il prossimo 19 gennaio, ma due settimane dopo, cioè dal  2 febbraio.

Sta per scattare l’ora X, ma non si placano le proteste, anzi. Spiega Ivan De Grandis, fondatore del Comitato “No  Musa” e dirigente del Nuovo Centro Destra: «Stiamo raccogliendo e dando voce al secco no dei novaresi ad un progetto che rischia di uccidere definitivamente il centro città. Abbiamo raccolto centinaia e centinaia di firme. Siamo convinti che il referendum consultivo sia la medicina giusta per debellare la malattia delle strisce blu».

Le proteste hanno invaso anche il mondo del web: “Possibile – si chiede un nostro lettore – che non ci si possa ribellare a questa ingiustizia?”. E fa dei riferimenti specifici: “Perché rendere a pagamento la via Cernaia e perché il 23 Marzo e il parcheggio del Macello? Sinceramente, visto che la nostra zona è classificata centro, mi sembra che abbiano raggiunto il limite. Per me così equivale a far morire del tutto il cittadino, il piccolo commerciante”.

Insomma ci vorrà del tempo per far digerire alla città questa “rivoluzione” dei parcheggi a pagamento, oltre 5.000, con un aumento  quindi circa 2500 posti, nonostante una tariffazione, come definisce l’Amministrazione comunale, “attenta alle esigenze di tutti”.

Il dettaglio delle novità del piano Musa e tutte le reazioni sul Corriere di Novara di giovedì 8 gennaio

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità