Tanta disinformazione su Sun, Assa e Acqua Novara Vco

Tanta disinformazione su Sun, Assa e Acqua Novara Vco
01 Marzo 2015 ore 08:58

NOVARA – Quasi tre novaresi su quattro (per la precisione il 73% degli intervistati) sono soddisfatti della qualità della vita in città.

Il dato (ottenuto sommando il 4% di chi ha risposto “molto bene” al 69% che invece si è espresso con un “abbastanza bene”) non è comunque omogeneo sull’intero territorio cittadino: più bassa della media risulta infatti la soddisfazione nell’area “Sud-Sud Est” (64%), più alta quella all’“Ovest” (85%), di poco superiore a quella del “Centro” (78%).

Sono solo alcuni risultati di una ricerca condotta nello scorso mese di dicembre da “Ipr Marketing” su un campione di 800 cittadini ai quali i quesiti principali erano stati quelli di valutare la qualità offerta dalle tre aziende del Comune: “Sun” per il trasporto pubblico locale, “Assa” per la raccolta dei rifiuti e “Acqua Novara e Vco” per il servizio idrico pubblico. E insieme a questi servizi di valutare le azioni e le iniziative intraprese dall’Amministrazione. Numeri dai quali emerge, inoltre, una certa “disinformazione” da parte di tanti. Un esempio per tutti. Solo il 3% degli intervistati è a conoscenza di un progetto per la realizzazione della nuova area industriale ad Agognate e fra questi la metà ha espresso un giudizio positivo.

L’intervento più “conosciuto” riguarda la ristrutturazione del mercato coperto (49%, con un giudizio positivo espresso dall’82%). Solo un novarese su quattro sa dell’introduzione della navetta gratuita in centro (il 90% è soddisfatto) mentre solo l’8% è a conoscenza dell’ampliamento delle area della sosta (ma solo il 43% è soddisfatto).

«Nonostante i tagli pesanti ai quali sono andati incontro i Comuni – ha commentato il sindaco Andrea Ballaré durante la presentazione dei risultati dell’indagine, mercoledì pomeriggio nella sede della “Sun” – questi numeri ci dicono che siamo sulla strada giusta e che dobbiamo proseguire sulla strada intrapresa; ci servono per darci una percezione monitorata , che non si limita al “sentito dire”, individuare dei correttivi, perché possiamo sicuramente fare meglio. Sforzandoci di fare sapere di più alla gente quello che stiamo facendo».

Un’indagine, commissionata dalle tre aziende cittadine, come ha spiegato l’amministratore unico di “Sun” Luigi Martinoli, «già realizzata in passato separatamente. Quest’anno abbiamo invece deciso di fare una sorta di economia di scala».

E dai risultati, proprio l’azienda dei trasporti è quella che ha raccolto il gradimento più basso: il 39% dei novaresi è soddisfatto (sommando un 8% che ha detto “molto” a un 31% che ha giudicato “abbastanza”) ma il 38% (suddiviso fra “poco” e “per nulla”) no, mentre il 23% ha risposto “non so”. Nonostante questo, però, le iniziative più recenti sembrano piacere: il 78% ha valutato positivamente la novità di poter acquistare (seppur con un prezzo maggiorato) il biglietto a bordo, mentre l’82% ha dimostrato di gradire il varo degli abbonamenti differenziati per età e categorie sociali.

Riscontro complessivamente più positivo lo hanno ottenuto “Assa” e “Acqua Novara e Vco”. L’83% degli intervistati è soddisfatto del servizio della raccolta dei rifiuti. Dato che incoraggia il presidente dell’azienda, Marcello Marzo, ad un anno dal suo insediamento, a proseguire sul cammino intrapreso: «Abbiamo incrementato il servizio negli ultimi tre giorni della settimana, aumentando del 33% i “passaggi” in centro e ridoto i tempi di attesa per lo smaltimento delle discariche abusive da trenta giorni a cinque. Importante è stata anche l’iniziativa che ha coinvolto alcuni detenuti del supercarcere».

Addirittura l’83% sono quelli che hanno giudicato positivamente l’acqua pubblica: « La nostra missione – ha detto l’amministratore unico di “Acqua Novara e Vco” Giovanni Brustia – è quella di poter servire un’acqua buona, pulita continua. Un risultato ottenuto grazie a qualcosa come 50 mila analisi condotte dai nostri tecnici grazie anche a strumenti sofisticati».

Luca Mattioli

 

NOVARA – Quasi tre novaresi su quattro (per la precisione il 73% degli intervistati) sono soddisfatti della qualità della vita in città.

Il dato (ottenuto sommando il 4% di chi ha risposto “molto bene” al 69% che invece si è espresso con un “abbastanza bene”) non è comunque omogeneo sull’intero territorio cittadino: più bassa della media risulta infatti la soddisfazione nell’area “Sud-Sud Est” (64%), più alta quella all’“Ovest” (85%), di poco superiore a quella del “Centro” (78%).

Sono solo alcuni risultati di una ricerca condotta nello scorso mese di dicembre da “Ipr Marketing” su un campione di 800 cittadini ai quali i quesiti principali erano stati quelli di valutare la qualità offerta dalle tre aziende del Comune: “Sun” per il trasporto pubblico locale, “Assa” per la raccolta dei rifiuti e “Acqua Novara e Vco” per il servizio idrico pubblico. E insieme a questi servizi di valutare le azioni e le iniziative intraprese dall’Amministrazione. Numeri dai quali emerge, inoltre, una certa “disinformazione” da parte di tanti. Un esempio per tutti. Solo il 3% degli intervistati è a conoscenza di un progetto per la realizzazione della nuova area industriale ad Agognate e fra questi la metà ha espresso un giudizio positivo.

L’intervento più “conosciuto” riguarda la ristrutturazione del mercato coperto (49%, con un giudizio positivo espresso dall’82%). Solo un novarese su quattro sa dell’introduzione della navetta gratuita in centro (il 90% è soddisfatto) mentre solo l’8% è a conoscenza dell’ampliamento delle area della sosta (ma solo il 43% è soddisfatto).

«Nonostante i tagli pesanti ai quali sono andati incontro i Comuni – ha commentato il sindaco Andrea Ballaré durante la presentazione dei risultati dell’indagine, mercoledì pomeriggio nella sede della “Sun” – questi numeri ci dicono che siamo sulla strada giusta e che dobbiamo proseguire sulla strada intrapresa; ci servono per darci una percezione monitorata , che non si limita al “sentito dire”, individuare dei correttivi, perché possiamo sicuramente fare meglio. Sforzandoci di fare sapere di più alla gente quello che stiamo facendo».

Un’indagine, commissionata dalle tre aziende cittadine, come ha spiegato l’amministratore unico di “Sun” Luigi Martinoli, «già realizzata in passato separatamente. Quest’anno abbiamo invece deciso di fare una sorta di economia di scala».

E dai risultati, proprio l’azienda dei trasporti è quella che ha raccolto il gradimento più basso: il 39% dei novaresi è soddisfatto (sommando un 8% che ha detto “molto” a un 31% che ha giudicato “abbastanza”) ma il 38% (suddiviso fra “poco” e “per nulla”) no, mentre il 23% ha risposto “non so”. Nonostante questo, però, le iniziative più recenti sembrano piacere: il 78% ha valutato positivamente la novità di poter acquistare (seppur con un prezzo maggiorato) il biglietto a bordo, mentre l’82% ha dimostrato di gradire il varo degli abbonamenti differenziati per età e categorie sociali.

Riscontro complessivamente più positivo lo hanno ottenuto “Assa” e “Acqua Novara e Vco”. L’83% degli intervistati è soddisfatto del servizio della raccolta dei rifiuti. Dato che incoraggia il presidente dell’azienda, Marcello Marzo, ad un anno dal suo insediamento, a proseguire sul cammino intrapreso: «Abbiamo incrementato il servizio negli ultimi tre giorni della settimana, aumentando del 33% i “passaggi” in centro e ridoto i tempi di attesa per lo smaltimento delle discariche abusive da trenta giorni a cinque. Importante è stata anche l’iniziativa che ha coinvolto alcuni detenuti del supercarcere».

Addirittura l’83% sono quelli che hanno giudicato positivamente l’acqua pubblica: « La nostra missione – ha detto l’amministratore unico di “Acqua Novara e Vco” Giovanni Brustia – è quella di poter servire un’acqua buona, pulita continua. Un risultato ottenuto grazie a qualcosa come 50 mila analisi condotte dai nostri tecnici grazie anche a strumenti sofisticati».

Luca Mattioli

 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità