Un aiuto concreto per il terremoto in Nepal con la Caritas

Un aiuto concreto per il terremoto in Nepal con la Caritas
Altro 07 Maggio 2015 ore 21:50

NOVARA – Un aiuto concreto alla scuola di Namche Bazar e all’ospedale di Malekhu, distrutte dal terremoto in Nepal. E’ quanto la Caritas diocesana novarese farà con la colletta in tutte le messe di domenica 17 maggio, nel rispondere all’invito, da parte della presidenza della Cei (che ha già destinato all’emergenza 3 milioni di euro dall’otto per mille), di organizzare, una colletta nazionale a favore del Paese Asiatico.

Le due opere furono volute e realizzate dal reporter di Ghemme Renato Andorno, all’inizio del 2000, con la collaborazione di molti amici, proprio in Nepal, regione di cui era innamorato.
Sono proprio queste due le strutture a cui saranno destinati i fondi raccolti in diocesi, attraverso la rete di volontari che, anche dopo che Andorno era mancato, hanno proseguito la sua opera.

COME DONARE
Sono tre i modi per sostenere la scuola di Namche Bazar e l’ospedale di Malekhu.

Il primo è di partecipare alla colletta del 17 nella propria parrocchia, se il parroco avrà deciso di aderire all’invito della Caritas diocesana e della Cei.

Altrimenti è possibile donare direttamente ai volontari che si occupano della ricostruzione, tramite il sito di crowdfunding Buonacausa.org, all’indirizzo buonacausa.org/cause/sos-nepal, e seguendo le indicazioni per fare la donazione.

Infine, è possibile fare un contributo direttamente alla Caritas diocesana, indicando nella causale Sos Nepal. Ecco le cordinate bancarie: Banca Popolare di Novara IBAN IT28 E050 3410 1000 0000 0009 788 int. Caritas Diocesana di Novara; Banca Prossima IBAN IT37 T033 5901 6001 0000 0010 083 intestato a Diocesi Novara c/o Caritas Diocesana; Conto corrente postale 13010285 int. Caritas Diocesana Novara.

Monica Curino

NOVARA – Un aiuto concreto alla scuola di Namche Bazar e all’ospedale di Malekhu, distrutte dal terremoto in Nepal. E’ quanto la Caritas diocesana novarese farà con la colletta in tutte le messe di domenica 17 maggio, nel rispondere all’invito, da parte della presidenza della Cei (che ha già destinato all’emergenza 3 milioni di euro dall’otto per mille), di organizzare, una colletta nazionale a favore del Paese Asiatico.

Le due opere furono volute e realizzate dal reporter di Ghemme Renato Andorno, all’inizio del 2000, con la collaborazione di molti amici, proprio in Nepal, regione di cui era innamorato.
Sono proprio queste due le strutture a cui saranno destinati i fondi raccolti in diocesi, attraverso la rete di volontari che, anche dopo che Andorno era mancato, hanno proseguito la sua opera.

COME DONARE
Sono tre i modi per sostenere la scuola di Namche Bazar e l’ospedale di Malekhu.

Il primo è di partecipare alla colletta del 17 nella propria parrocchia, se il parroco avrà deciso di aderire all’invito della Caritas diocesana e della Cei.

Altrimenti è possibile donare direttamente ai volontari che si occupano della ricostruzione, tramite il sito di crowdfunding Buonacausa.org, all’indirizzo buonacausa.org/cause/sos-nepal, e seguendo le indicazioni per fare la donazione.

Infine, è possibile fare un contributo direttamente alla Caritas diocesana, indicando nella causale Sos Nepal. Ecco le cordinate bancarie: Banca Popolare di Novara IBAN IT28 E050 3410 1000 0000 0009 788 int. Caritas Diocesana di Novara; Banca Prossima IBAN IT37 T033 5901 6001 0000 0010 083 intestato a Diocesi Novara c/o Caritas Diocesana; Conto corrente postale 13010285 int. Caritas Diocesana Novara.

Monica Curino