Altro

UniStem Day anche all'Università del Piemonte Orientale

UniStem Day anche all'Università del Piemonte Orientale
Altro Novara, 06 Marzo 2016 ore 12:08

NOVARA - L’11 marzo sarà l’UniStem Day. La giornata mondiale dedicata alla ricerca sulle cellule staminali e rivolta agli studenti delle scuole superiori coinvolgerà 8 Paesi europei, 27.000 studenti, 73 Atenei e Centri di ricerca in Italia e in Europa, oltre 400 esperti tra ricercatori, manager, comunicatori, eticisti, clinici e tecnici.

Giunto alla sua ottava edizione, l’evento è nato nel 2009 presso il Centro di Ricerca sulle Cellule Staminali dell’Università di Milano, su iniziativa della senatrice Elena Cattaneo; oggi è uno dei più grandi eventi di divulgazione scientifica di livello europeo. Il Centro UniStem organizza ogni anno una giornata dedicata agli studenti delle scuole superiori con l’intento di stimolare un interesse, se non una vocazione, per la scienza e la ricerca scientifica, a partire dai temi e dai problemi affrontati nell’ambito degli studi sulle cellule staminali.

Attraverso lezioni, discussioni, filmati, visite ai laboratori ed eventi ricreativi, gli studenti possono incontrare contenuti e metodi della scienza e scoprire che la ricerca scientifica può essere divertente e favorire relazioni personali e sociali costruite sulle prove, sul coraggio e sull’integrità.

L’Università del Piemonte Orientale, che partecipa alla giornata fin dalla prima edizione, accoglierà il giovane pubblico presso l’aula magna del Complesso Perrone, a Novara, a partire dalle ore 9.

La mattinata sarà scandita dagli interventi di Giorgio Bellomo (Presidente della Scuola di Medicina) e Umberto Dianzani (Direttore del Dipartimento di Scienze della Salute), ai quali spetteranno i saluto di benvenuto; Enzo Calautti (Università di Torino – Cellule staminali: dal laboratorio alla cura); Antonia Follenzi (Terapia cellulare e genica per l’emofilia); Maria Giovanna Prat, che introdurrà i due filmati Stem Cell Revolution (part I): How it all began Doctors and scientists e Stem Cell Revolution (part II): Not all cells are equal A Stem Cell Story; Mariagrazia Grilli (Le cellule staminali adulte ovvero come il cervello modifica se stesso); Massimo Cavino (Libertà di studiare: un diritto e un dovere istituzionale). Anche per l’edizione 2016 gli eventi di UniStem si svolgeranno in contemporanea in tutte le città e i Paesi coinvolti.

v.s.

NOVARA - L’11 marzo sarà l’UniStem Day. La giornata mondiale dedicata alla ricerca sulle cellule staminali e rivolta agli studenti delle scuole superiori coinvolgerà 8 Paesi europei, 27.000 studenti, 73 Atenei e Centri di ricerca in Italia e in Europa, oltre 400 esperti tra ricercatori, manager, comunicatori, eticisti, clinici e tecnici.

Giunto alla sua ottava edizione, l’evento è nato nel 2009 presso il Centro di Ricerca sulle Cellule Staminali dell’Università di Milano, su iniziativa della senatrice Elena Cattaneo; oggi è uno dei più grandi eventi di divulgazione scientifica di livello europeo. Il Centro UniStem organizza ogni anno una giornata dedicata agli studenti delle scuole superiori con l’intento di stimolare un interesse, se non una vocazione, per la scienza e la ricerca scientifica, a partire dai temi e dai problemi affrontati nell’ambito degli studi sulle cellule staminali.

Attraverso lezioni, discussioni, filmati, visite ai laboratori ed eventi ricreativi, gli studenti possono incontrare contenuti e metodi della scienza e scoprire che la ricerca scientifica può essere divertente e favorire relazioni personali e sociali costruite sulle prove, sul coraggio e sull’integrità.

L’Università del Piemonte Orientale, che partecipa alla giornata fin dalla prima edizione, accoglierà il giovane pubblico presso l’aula magna del Complesso Perrone, a Novara, a partire dalle ore 9.

La mattinata sarà scandita dagli interventi di Giorgio Bellomo (Presidente della Scuola di Medicina) e Umberto Dianzani (Direttore del Dipartimento di Scienze della Salute), ai quali spetteranno i saluto di benvenuto; Enzo Calautti (Università di Torino – Cellule staminali: dal laboratorio alla cura); Antonia Follenzi (Terapia cellulare e genica per l’emofilia); Maria Giovanna Prat, che introdurrà i due filmati Stem Cell Revolution (part I): How it all began Doctors and scientists e Stem Cell Revolution (part II): Not all cells are equal A Stem Cell Story; Mariagrazia Grilli (Le cellule staminali adulte ovvero come il cervello modifica se stesso); Massimo Cavino (Libertà di studiare: un diritto e un dovere istituzionale). Anche per l’edizione 2016 gli eventi di UniStem si svolgeranno in contemporanea in tutte le città e i Paesi coinvolti.

v.s.

Seguici sui nostri canali