Altro

Uno studente novarese vince concorso scientifico

Uno studente novarese vince concorso scientifico
Altro Novara, 04 Giugno 2015 ore 22:13

NOVARA – C’è anche un novarese fra i vincitori dello Sci-Tech Challenge, manifestazione internazionale che riunisce i più promettenti ragazzi che frequentano scuole scientifiche: Mattia Fusetti, al terzo anno del liceo Antonelli, è stato premiato dalla consigliera all’Istruzione della Provincia di Novara, Emanuela Allegra, dopo la vittoria ottenuta a fine aprile a Bucarest.
Il giovane, in precedenza, aveva partecipato a Roma alla selezione nazionale del concorso insieme a quattro compagni di classe. Nella capitale la squadra novarese ha primeggiato sulle altre scuole partecipanti, presentando il miglior progetto relativo all’abbattimento del consumo energetico di una rete di trasporti pubblici.
La vittoria ha consentito ai quattro novaresi di rappresentare l’Italia alla sfida europea in Romania, confrontandosi con gli studenti di altri Paesi. In questa fase sono state costituite squadre miste, spingendo i ragazzi ad interagire fra loro in inglese. Fusetti si è trovato a lavorare con i rappresentanti di Belgio, Francia, Polonia e Regno Unito, ancora una volta sul tema dell’abbassamento dell’impatto energetico e dell’emissione di CO2. L’idea, ben congegnata, è stata quella di realizzare, per ridurre le emissioni collegate all’Eurovision Song Contest, un tappeto di magnesio da posizionare in ciascuna delle 25 città europee più sensibili verso la manifestazione canora. Il tappeto risultava capace di accumulare l’energia liberata dai passi del pubblico radunato nelle piazze per vedere lo show su appositi maxischermi, naturalmente alimentati sempre tramite il tappeto. Nel progetto era prevista anche la creazione di un’applicazione per smartphone che consapevolizzasse il pubblico sui livelli di energia in produzione, spingendolo a ballare e a muoversi ulteriormente.
“Mi fa piacere premiare Mattia con dei libri, ideale “ponte” tra cultura scientifica e umanistica – ha commentato Allegra, congratulandosi con il ragazzo – Trovo molto incoraggiante che le scuole novaresi promuovano lo scambio di competenze e il problem solving ottenendo risultati tanto prestigiosi”.

mo.c.

NOVARA – C’è anche un novarese fra i vincitori dello Sci-Tech Challenge, manifestazione internazionale che riunisce i più promettenti ragazzi che frequentano scuole scientifiche: Mattia Fusetti, al terzo anno del liceo Antonelli, è stato premiato dalla consigliera all’Istruzione della Provincia di Novara, Emanuela Allegra, dopo la vittoria ottenuta a fine aprile a Bucarest.
Il giovane, in precedenza, aveva partecipato a Roma alla selezione nazionale del concorso insieme a quattro compagni di classe. Nella capitale la squadra novarese ha primeggiato sulle altre scuole partecipanti, presentando il miglior progetto relativo all’abbattimento del consumo energetico di una rete di trasporti pubblici.
La vittoria ha consentito ai quattro novaresi di rappresentare l’Italia alla sfida europea in Romania, confrontandosi con gli studenti di altri Paesi. In questa fase sono state costituite squadre miste, spingendo i ragazzi ad interagire fra loro in inglese. Fusetti si è trovato a lavorare con i rappresentanti di Belgio, Francia, Polonia e Regno Unito, ancora una volta sul tema dell’abbassamento dell’impatto energetico e dell’emissione di CO2. L’idea, ben congegnata, è stata quella di realizzare, per ridurre le emissioni collegate all’Eurovision Song Contest, un tappeto di magnesio da posizionare in ciascuna delle 25 città europee più sensibili verso la manifestazione canora. Il tappeto risultava capace di accumulare l’energia liberata dai passi del pubblico radunato nelle piazze per vedere lo show su appositi maxischermi, naturalmente alimentati sempre tramite il tappeto. Nel progetto era prevista anche la creazione di un’applicazione per smartphone che consapevolizzasse il pubblico sui livelli di energia in produzione, spingendolo a ballare e a muoversi ulteriormente.
“Mi fa piacere premiare Mattia con dei libri, ideale “ponte” tra cultura scientifica e umanistica – ha commentato Allegra, congratulandosi con il ragazzo – Trovo molto incoraggiante che le scuole novaresi promuovano lo scambio di competenze e il problem solving ottenendo risultati tanto prestigiosi”.

mo.c.