Economia

Banca d’Alba cresce ancora e raggiunge un volume di 11,6 miliardi di euro

Due nuove aperture: una a Novara e una a Vercelli

Pubblicato:
Aggiornato:

Lunedì 25 marzo i vertici di Banca d’Alba si sono riuniti, alla cooperativa sociale Gèrico di Novara, per  presentare il bilancio dell’anno 2023 e le prospettive per i prossimi 12 mesi.

Le nuove aperture

La scelta di Novara come sede per la conferenza stampa non è stata casuale, ha spiegato il presidente di Banca  d’Alba, Tino Cornaglia: «Tanti i valori che ci  accomunano e caratterizzano: cooperazione e mutualità al sostegno del territorio. Ed è in questo spirito di  collaborazione e condivisione che la banca guarda al futuro, con l’obiettivo di essere anche sull’importante  piazza di Novara un punto di riferimento per l’economia e le comunità locali.

Nel corso del 2023, Banca  d’Alba ha continuato a sostenere attivamente il territorio in cui opera. Sono state effettuate 300 erogazioni  di beneficenza e sponsorizzazioni per oltre 1.3 milioni di euro. Sono 6.602 i soci che, nel corso dell’anno,  hanno beneficiato di 68.952 visite e terapie gratuite presso i nostri cinque centri medici, a cui si è aggiunta,  lo scorso dicembre, l’apertura della Casa della Salute a Vische.

Tante le iniziative di educazione  finanziaria, rivolte ai nostri clienti e alla cittadinanza, e dal 2024 sono stati inoltre adibiti nel cuore di Alba,  dei locali destinati alla formazione dei nostri 533 colleghi e delle aziende del territorio che desiderano  usufruirne. Ci siamo dimostrati resilienti e abbiamo sostenuto la resilienza dei nostri soci in questi anni difficili».

Sviluppo economico del territorio

Le nuove aperture  rappresentano un passo importante verso un servizio sempre più capillare e vicino alle  esigenze dei clienti, rafforzando l’impegno di Banca d’Alba verso lo sviluppo economico del territorio: «Rafforziamo il legame di conoscenza e di fiducia, dimostrando che siamo persone reali - ha sottolineato  il direttore generale, Enzo Cazzullo - Certo, è una politica onerosa e in controtendenza, ma è una scelta che parla di comunità, di territorio e di economia circolare. In 10 anni abbiamo incrementato le filiali del 36%, passando da 56 a 76 quando a livello nazionale si registra un -36%» Ottimi i risultati conseguiti dalla Banca nel corso  dell’esercizio appena concluso: «Il bilancio 2023, con un utile di esercizio di 78,2 milioni euro, ha consentito  alla Banca di rafforzare la propria solidità patrimoniale, con gli indicatori patrimoniali in costante ascesa  (Tier1 al 22% e Total Capital Ratio al 24,1%) e su valori ben superiori alla media del sistema bancario.

La  Banca ha incrementato del 20% le erogazioni di mutui alle imprese a condizioni economiche di favore  rispetto a quanto mediamente applicato sul mercato; anche i mutui Casa alle famiglie sono stati concessi in  misura superiore (+16%) rispetto a quanto avvenuto su base nazionale. Altrettanto importante il dato  riferito ai 2mila mutui che sono stati rinegoziati dalla Banca (1 su 5) per contenere l’impatto del rialzo dei tassi di  interesse».

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali