Attualità
Curiosità

Berlusconi potrà trivellare a Villa Campari a Solcio: la Provincia approva la richiesta

Sarà realizzato un pozzo di 40 metri per un impianto di riscaldamento e raffreddamento

Berlusconi potrà trivellare a Villa Campari a Solcio: la Provincia approva la richiesta
Attualità Arona, 28 Novembre 2021 ore 10:12

Berlusconi potrà effettuare degli scavi a Villa Campari, la tenuta di sua proprietà a Solcio di Lesa. Lo ha deciso la Provincia di Novara tramite una determina.

Berlusconi ha l'autorizzazione alle trivellazioni

E' arrivata nei giorni scorsi l'autorizzazione della Provincia per la richiesta presentata da Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia aveva precedentemente chiesto alle autorità provinciali di poter realizzare un impianto di riscaldamento/raffreddamento nella sua proprietà di Solcio di Lesa. Stando alle carte la trivella verrà utilizzata per realizzare un primo pozzo profondo 40 metri.

Il testo della determina

Nel testo la Provincia autorizza il "Signor Silvio Berlusconi" alla "trasformazione di un piezometro in pozzo ed il cambio d’uso di un pozzo domestico", secondo quelle che sono le disposizioni del progetto presentato dal geologo Marco Carmine. Nelle carte si parla di un primo pozzo profondo 40 metri, che avrà una portata di 8 litri al secondo, e di un secondo pozzo di 17 metri.

La storia di una dimora straordinaria

La villa risale alla fine dell’800 e fu fatta costruire dal patriota e senatore risorgimentale Cesare Correnti. E’nota infatti come Villa Correnti, oltre che come Villa Campari. Successivamente fu infatti acquisita dalla famiglia creatrice del noto bitter.

Nel settembre 2008 l’ex Cavaliere si concesse l’acquisto di questa dimora al confine tra il piccolo comune di Lesa e Meina. Negli anni successivi la villa è stata oggetto di un contenzioso con Veronica Lario, legato al milionario divorzio della coppia.

Villa Campari, che è sempre rimasta abitata e in stato di perfetta manutenzione – a differenza di altre residenze che, pur maestose, sono state lasciate in disuso - è composta di trenta stanze (undici vani), un magnifico parco, una terrazza decorata da sculture in stile classico. Non manca naturalmente una darsena e un imbarcadero privato.