Attualità
Libera Novara

Campagna contro il gioco d'azzardo patologico: in un mese raccolte 4mila firma

Ne servono 8mila.

Campagna contro il gioco d'azzardo patologico: in un mese raccolte 4mila firma
Attualità Novara, 07 Maggio 2022 ore 06:02

In un mese raccolta metà delle 8.000 firme necessarie per presentare la legge.

La campagna

Prosegue la campagna di raccolta firme per l'iniziativa di legge popolare sul gioco d'azzardo patologico, che mira, tra le altre cose, a reintrodurre il distanziamento dai luoghi sensibili come scuole, ospedali, parrocchie e bancomat delle slot già installate. Una battaglia che unisce a livello regionale circa quaranta associazioni e che a livello locale è condotta dal comitato "Mettiamoci in gioco" (Adiconsum, Adoc, Federconsumatori, Arci, Libera Novara, Legambiente Novara, Asterisco, Medicina Democratica Novara VCO, Auser Novara, Git Banca Etica Novara, Cgil Novara e Vco). Il testo della legge e tutte le informazioni necessarie sono disponibili QUI .

L'obiettivo minimo è la raccolta delle 8.000 firme utili alla presentazione della proposta di legge in Consiglio regionale, un traguardo che i promotori contano di raggiungere in anticipo rispetto alla scadenza del 25 settembre, termine ultimo dell'iniziativa: «In un mese abbiamo già raccolto circa 4.000 firme, di cui 688 nella nostra provincia, a dimostrazione dell'interesse dei cittadini sull'argomento e dell'impegno profuso dalle organizzazioni impegnate nella campagna», spiega Ryan Coretta, referente provinciale di Libera Novara, una delle organizzazioni del comitato novarese, «puntiamo a superare il traguardo delle 8.000 firme entro l'estate, anche per dare un forte segnale alla Regione: tantissimi piemontesi sono convinti della necessità di ridurre l'offerta di gioco d'azzardo e il Consiglio regionale non potrà non tenerne conto».

Nel prossimo fine settimana prosegue la raccolta in diversi luoghi della città. Sabato il banchetto sarà al mattino (9.00-13.00) presso il mercato di Largo Leonardi e al pomeriggio (15.00-19.00) all'angolo delle ore, tra corso Cavallotti e corso Cavour. Domenica sarà al mattino davanti alla Parrocchia di S. Antonio in corso Risorgimento e al pomeriggio di nuovo in centro presso il parco dell'Allea.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter