Il caso

Coldiretti chiede un tavolo alla Regione per il comparto bovino

L'associazione esprime preoccupazione soprattutto per i costi di produzione

Coldiretti chiede un tavolo alla Regione per il comparto bovino
Attualità 30 Agosto 2021 ore 08:58

Coldiretti Novara Vco interviene sul tema e chiede alla Regione di discutere la creazione di un tavolo di discussione sul futuro del comparto bovino.

Coldiretti preoccupata per il comparto bovino

Una lettera inviata direttamente al presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e all’assessore regionale all’Agricoltura Marco Protopapa per richiedere un tavolo di confronto per la grave situazione del comparto bovino di carne. Questa la decisione di Coldiretti Piemonte per individuare possibili strategie ed oggettivi sostegni economici all’intero settore, anche facendo ricorso a risorse nazionali ed europee.

Il settore è in forte crisi

"La crisi del settore bovino da carne e, in particolare, della Razza Piemontese – evidenziano Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale - è arrivato a un livello tale per cui si sta mettendo in forte rischio la sopravvivenza delle imprese con conseguenze disastrose sia per gli addetti diretti e le loro famiglie, sia per l’indotto generato, ma anche per l’ambiente e per il territorio che rischia di perdere chi per primo si occupa del suo mantenimento".

"Si lavora sotto i costi di produzione"

"La qualità va pagata – aggiungono il presidente di Coldiretti Novara-Vco Sara Baudo e il direttore Francesca Toscani – invece i nostri allevatori stanno lavorando sotto i costi di produzione, oltre a dover sopportare gli aumenti delle materie prime per l’alimentazione con la soia che registra un più 80% ed il mais un più 50% rispetto all’anno scorso. Servono, quindi, una particolare attenzione ed interventi mirati, in tempi brevi, per garantire la continuità del comparto e la sua tenuta socio economica