Attualità
I controlli

Controlli di Arpa Piemonte e Carabinieri Forestali sulle derivazioni idriche di fiumi e torrenti

Diverse le irregolarità riscontrate.

Controlli di Arpa Piemonte e Carabinieri Forestali sulle derivazioni idriche di fiumi e torrenti
Attualità Novara, 26 Settembre 2022 ore 06:03

Interessati anche il Ticino, il Vevera e l’Agogna.

I controlli

Per far fronte alla siccità che nel 2022 ha interessato il Piemonte Arpa, oltre ai monitoraggi, controlli e valutazioni tecniche svolte ordinariamente per la matrice acqua, ha attivato i controlli sulle derivazioni idriche e fornito un supporto tecnico per nuovi prelievi di acqua ad uso idropotabile nelle province di Novara e del Verbano Cusio Ossola. I controlli sono stati svolti di iniziativa e in collaborazione con i Carabinieri Forestali e hanno coinvolto 60 soggetti autorizzati al prelievo di acqua, ad uso irriguo, idroelettrico e produttivo.

In particolare, le verifiche sono state condotte sui seguenti corpi idrici:

– Piemonte Sud Est: Borbera, Bormida, Bormida di Spigno, Scrivia, Tanaro

– Piemonte Sud Ovest: Bedale del Corso, Bedale di Piasco, Corsaglia, Gesso, Maira, Rio Torto, Stura di Demonte, Tanaro

– Piemonte Nord Ovest: Ceronda, Chisone, Lemina, Orco, Pellice, Rochemolles, Sangone, Soana, Stura di Lanzo

– Piemonte Nord Est: Agogna, Cervo, Elvo, Melezzo Orientale, Roggia Molinara, Roggia Mora, Rio Saborsone, Sesia, Sessera, Ticino, Vevera

Le irregolarità

Diverse sono state le non conformità rilevate sul territorio regionale. Ad esempio: portate derivate superiori a quelle concesse, deflusso rilasciato ridotto rispetto a deflusso minimo vitale (DMV) prescritto o assenza di aste graduate per la misura delle altezze idrometriche presso le opere di presa. A seguito delle non conformità accertate scatta una sanzione amministrativa e una diffida contenente le prescrizioni per la regolarizzazione.

 

Immagine di repertorio

Seguici sui nostri canali