Attualità
Il caso

Controlli fauna selvatica: le Province chiedono maggiori fondi alla Regione

I rappresentanti dei territori si sono ritrovati a Torino per confrontarsi sul tema

Controlli fauna selvatica: le Province chiedono maggiori fondi alla Regione
Attualità Novara, 10 Luglio 2022 ore 07:00

Controlli fauna selvatica: dalle Province arriva la richiesta di maggiori fondi alla Regione Piemonte.

A Torino un incontro per parlare dei temi più scottanti

L’incontro che si è tenuto lo scorso 30 giugno a Torino con il Settore Conservazione e gestione fauna selvatica e acquicoltura della Regione Piemonte è stato l’occasione "per tutte le Province piemontesi – come spiega il consigliere delegato a Caccia e Pesca Arduino Pasquini, che ha rappresentato la Provincia di No05vara – per un ampio confronto sul tema delle attività e delle deleghe conferite alle Amministrazioni locali e, in particolare, per il controllo della fauna selvatica e della vigilanza venatoria".

Sollecitate a intervenire le Province sul tema dei cinghiali e della fauna selvatica in generale

"Dati i problemi che si stanno verificando nel territorio piemontese a causa della diffusione della peste suina - proseguono dalla Provincia - la Regione ha sollecitato da parte delle Province un’intensificazione delle attività di controllo e abbattimento, oltre che il massimo coinvolgimento delle organizzazioni venatorie e dei selecontrollori. L’obiettivo è arrivare al più presto alla stesura, a cura dei vari soggetti coinvolti, di un preciso report settimanale delle attività svolte che restituisca un’esatta fotografia del numero delle uscite e del numero dei capi abbattuti".

"Servono più risorse alle Province"

"Tutte le Province - conclude Pasquini - si sono, ovviamente, rese disponibili, ma è anche stato chiesto alla Regione di intervenire, in tempi brevi, sulla necessità di dotare gli Enti di strumenti adeguati sia per quanto riguarda l’incremento del personale specificamente deputato a questo genere di attività, sia anche in termini di mezzi a disposizione per poterla svolgere. Una richiesta condivisa da parte di tutte le Province piemontesi affinché gli interventi sollecitati dalla delega possano essere svolti in maniera adeguata ed efficace".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter