Attualità
C’è preoccupazione

Crisi idrica: in Piemonte ordinanze per 170 comuni, nel novarese 10 hanno chiuso l’acqua di notte

Chiesto lo stato di calamità.

Crisi idrica: in Piemonte ordinanze per 170 comuni, nel novarese 10 hanno chiuso l’acqua di notte
Attualità Novara, 19 Giugno 2022 ore 07:46

Allarme siccità: in Piemonte già 170 comuni in crisi. Nel Novarese rubinetti chiusi di notte. Chiesto lo stato di calamità per l’agricoltura.

Allarme siccità: in Piemonte già 170 comuni in crisi. Nel Novarese rubinetti chiusi di notte

E’ allarme rosso per l’agricoltura e per gli usi domestici. In Piemonte l’emergenza acqua ha indotto la Regione a chiedere ufficialmente lo stato di calamità e a prendere provvedimenti eccezionali.

Stretta sugli usi domestici

Al momento in Piemonte sono ben 170 i comuni con ordinanze adottate contro l’uso improprio di acqua (vale a dire: vietato lavare l’auto, innaffiare l’orto e via dicendo). Nel Novarese la situazione più critica, con 10 comuni che hanno anche dovuto ricorrere all’interruzione notturna della fornitura.

A Fontaneto d’Agogna, Cressa, Cureggio e Suno si è già intervenuti con le autobotti per rifornire gli acquedotti. Ma anche Cavallirio, Boca e Maggiora sono in fascia di rischio.

A Biella e Vercelli sono 9 i comuni con ordinanze emanate o in via di emanazione, e 12 interventi con autobotte.

Per ora niente razionamenti di giorno

Razionare l’acqua anche di giorno non è una misura attualmente sul tavolo, ma è importante la consapevolezza della complessità della situazione, mettendo in campo un comportamento saggio e virtuoso sul modo di usare l’acqua.

Stato di calamità per l’agricoltura

Per il comparto agricolo il Piemonte ha chiesto lo stato di calamita naturale, che consente di agire in tutela degli agricoltori nel caso di danni, che già ci sono e che bisogna evitare si prolunghino.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter