Iniziativa

Emergenza cinghiali: Coldiretti Novara-Vco presenta al Prefetto di Verbania la mobilitazione

La documentazione consegnata dal Presidente Fabio Tofi e dal vicepresidente Massimiliano Ottone

Emergenza cinghiali: Coldiretti Novara-Vco presenta al Prefetto di Verbania la mobilitazione
Pubblicato:

Coldiretti ha annunciato la mobilitazione nazionale per ottenere delle risposte immediate e concrete per contenere la diffusione degli animali selvatici.

Emergenza cinghiali: l'azione di Coldiretti Novara-Vco

"L’emergenza cinghiali deve essere risolta. E’ un problema che non riguarda solamente gli agricoltori ma tutti i cittadini: oltre ai campi distrutti, raccolti ridotti ai minimi termini e la diffusione sempre maggiore della Peste Suina Africana, gli ungulati sono anche la causa di incidenti stradali, a volte purtroppo anche mortali".

Coldiretti Novara-Vco, tramite il Presidente Fabio Tofi, il vicepresidente Massimiliano Ottone e il Direttore Luciano Salvadori, hanno consegnato al Prefetto di Verbania Michele Formiglio un documento dove sono contenute le motivazioni della mobilitazione alla quale parteciperà anche Coldiretti Novara-Vco insieme alle altre province della regione Piemonte.

"Tutelare agricoltori e aziende"

“Ribadiamo che occorre incrementare il depopolamento dei cinghiali, anche nelle aree dove non si sono ancora verificati casi di peste suina, in modo da evitare, parallelamente, un ulteriore ampliamento delle zone di restrizione – ha commentato Fabio Tofi – Fortunatamente nelle nostre province non si sono ancora riscontrati casi, ma non possiamo abbassare l’allerta”.

“Coldiretti è pronta a collaborare anche dal punto di vista tecnico per arrivare a raggiungere un risultato rilevante nei tempi più rapidi possibili – ha evidenziato il Direttore Luciano Salvadori – Il numero di cinghiali deve essere ridotto drasticamente per tutelare gli agricoltori e le loro aziende”.

Coldiretti Novara-Vco ringrazia il Prefetto di Verbania per la disponibilità dimostrata e per l’attenzione mostrata alla tematica.

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali