Attualità
Istruzione

Gite in montagna e attività, dalla Regione 195 mila euro alle scuole per la promozione del benessere attraverso lo sport

Per l’Assessore Elena Chiorino: “L’attività motoria non deve più essere la “Cenerentola” delle materie: va potenziata anche per garantire il recupero della socialità tra i bambini”.

Gite in montagna e attività, dalla Regione 195 mila euro alle scuole per la promozione del benessere attraverso lo sport
Attualità 22 Novembre 2021 ore 12:07

Gite in montagna e attività, dalla Regione 195 mila euro alle scuole per la promozione del benessere attraverso lo sport. Per l’Assessore all’Istruzione Elena Chiorino: “L’attività motoria non deve più essere la “Cenerentola” delle materie scolastiche: va potenziata anche per garantire il recupero della socialità tra i bambini”.

Gite in montagna e attività, dalla Regione 195 mila euro alle scuole

Novità importanti arrivano dall'assessore regionale all'istruzione Elena Chiorino a favore delle scuole: 195 mila euro per la promozione del benessere attraverso lo sport.

“La pratica motoria, il gioco di squadra e le attività all’aria aperta rappresentano momenti importanti per i nostri bambini. Salute, socialità, rispetto delle regole: lo sport costituisce un supporto fondamentale alla crescita e consentire ai docenti di sviluppare progetti che vadano in questa direzione è oggi uno degli obiettivi che ci poniamo. Ecco perché abbiamo stanziato un contributo di questo tipo alle scuole, per dare ai nostri bambini la possibilità di recuperare le mancate esperienze e il tempo trascorso tra DAD e lockdown anche attraverso lo sport durante la scuola”.  Contributi in arrivo alle scuole piemontesi, con uno stanziamento di 195 mila euro destinato all’organizzazione di gite in montagna e attività sportive all’aperto.

Il progetto

L'assessorato ha predisposto uno specifico intervento di promozione dello sport e del benessere fisico per le scuole statali del primo ciclo:

“In attesa del piano straordinario del Governo, la Regione Piemonte vuole dare fin d’ora un segnale concreto, incentivando le scuole ad organizzare attività ludico/sportive al di fuori dalle classi, anche per recuperare la dimensione della socialità. Soprattutto tra i bambini più piccoli, l’attività motoria resta “la Cenerentola” delle attività proposte – sottolinea l’assessore - mentre al contrario va assolutamente potenziata, attraverso le convenzioni con le società sportive, ma anche valorizzando la psicomotricità e il gioco collettivo come elementi fondamentali nella crescita dei bambini e dei ragazzi”.

Due le linee d’azione previste per le quali le istituzioni scolastiche del primo ciclo potranno candidarsi: sport di montagna, attraverso l’organizzazione di una giornata dedicata, e integrazione delle attività sportive all’aperto, intese sia fuori dal contesto scolastico che nell’ambito delle palestre, dei cortili e dei giardini delle scuole. Ogni scuola potrà presentare un solo progetto per linea di intervento: chi sarà ammesso in graduatoria potrà ricevere un contributo di 1500 euro per lo sport di montagna e un contributo di 500 euro per le iniziative a carattere sportivo. L’ avviso alle scuole del primo ciclo sarà pubblicato a breve sul sito della Regione Piemonte.