Attualità
Attenzione

Green pass e restrizioni: che cosa cambia dall’1 aprile

Allentamento delle misure un po' ovunque, sul lavoro occorrerà ancora il lasciapassare base.

Green pass e restrizioni: che cosa cambia dall’1 aprile
Attualità 28 Marzo 2022 ore 06:01

Green pass e restrizioni: che cosa cambia dall’1 aprile. Allentamento delle misure un po’ ovunque, sul lavoro occorrerà ancora il lasciapassare base.

Green pass e restrizioni: che cosa cambia dall’1 aprile

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge sulle nuove norme Covid annunciato e approvato il 17 marzo: Un decreto che disciplina le regole sull’uso di Green pass, mascherine e altre restrizioni a partire dall’1 aprile.

Decreto legge 24 marzo in Gazzetta ufficiale: cosa cambia dall’1 aprile

Dalla prossima settimana inizia il percorso di allentamento delle restrizioni. In molti luoghi non servirà più esibire il Green pass rafforzato (che si ottiene se si è vaccinati con tre dosi oppure con due dosi da meno di 120 giorni oppure se si ha un certificato di guarigione), ma basterà quello “base” (che si ottiene con un tampone antigenico valido 48 ore oppure molecolare valido 72 ore).

Vediamo dunque nel dettaglio cosa cambia dall’1 aprile

  • Le mascherine al chiuso saranno comunque da indossare sino al 30 aprile (poi da maggio si vedrà)
  • Fino al 30 aprile rimane obbligatoria la mascherina Ffp2 per salire su autobus e metropolitane, aerei, treni e navi, pullman, pulmini scolastici, funivie, cabinovie e seggiovie, spettacoli in cinema, teatri, sale da concerto, locali e discoteche, eventi e competizioni sportive
  • Sul lavoro dall’1 aprile basterà avere il Green pass base e non più il Super Green pass (per gli over 50 vale comunque l’obbligo vaccinale)
  • La  sospensione dall’incarico e dallo stipendio resta come sanzione solo per medici, infermieri e personale delle Rsa fino al 31 dicembre.
  • Si può viaggiare sui mezzi pubblici del trasporto pubblico locale anche senza Green pass (sarà però obbligatoria la mascherina Ffp2)
  • Per salire su aerei, treni a lunga percorrenza e navifino al 30 aprile servirà il Green pass base. Dal primo maggio non sarà richiesto alcun certificato e non sarà più obbligatorio indossare la mascherina Ffp2
  • Si potrà fermarsi in locali all’aperto senza Green pass. In quelli al chiuso bisognerà attendere il 15 aprile (i turisti stranieri potranno mangiare nei bar e nei ristoranti al chiuso mostrando un tampone negativo antigenico o  molecolare)
  • Niente più Green pass per negozi, parrucchieri, banche, poste e uffici pubblici
  • Niente più quarantene per chi ha avuto un contatto stretto. Rimane l’obbligo   di indossare (al chiuso o in presenza di assembramenti) la mascherina Ffp2 per dieci giorni dall’ultimo contatto
  • A scuola in Dad vanno solo gli studenti positivi 
  • Il Green pass nelle università vale sino al 30 aprile
  • Stadi aperti al 100%: servono Green pass base e mascherina Ffp2 per accedere
  • Per cinema, teatro, sale da concerti ed eventi sportivi al chiuso, fino al 30 aprile serve il Green pass rafforzato, da maggio il certificato non è più richiesto e cade l’obbligo di indossare la mascherina Ffp2
  • Nelle strutture sanitarie servirà il Super Green pass sino al 31 dicembre
  • Niente più Green pass per lo sport all’aperto dall’1 aprile. Dall’1 maggio non servirà più nemmeno per lo sport al chiuso e gli spogliatoi
  • Niente più Green pass per feste e cerimonie, sagre, fiere, centri culturali, sociali e ricreativi all’aperto, terme e parchi tematici
  • Per centri benessere  sale gioco e centri congressi fino al 30 aprile serve il Green pass rafforzato
  • Per feste al chiuso e discoteche fino al 30 aprile è richiesto il green pass rafforzato e bisogna indossare la mascherina. Dall’1 aprile capienza al 100%
  • Dall’1 aprile per entrare negli alberghi non servirà il Green pass e nei ristoranti dall’1 aprile agli stranieri basterà il Green pass base. La stessa regola per gli italiani scatterà il 15 aprile.
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter