Attualità
Lo studio

Imprenditoria femminile in Piemonte, nel settore agricolo sono il 27.9%

La comunicazione da Confagricoltura nella ricorrenza della giornata istituita dalle nazioni unite nel 2007.

Imprenditoria femminile in Piemonte, nel settore agricolo sono il 27.9%
Attualità VCO, 16 Ottobre 2022 ore 08:52

In occasione della giornata internazionale delle donne rurali, istituita nel 2007 dall'Assemblea generale delle nazioni unite, da Confagricoltura la comunicazione sui livelli di imprenditoria femminile nella nostra regione.

Imprenditoria femminile in Piemonte: il 27.9% di agricoltori è donna

La giornata internazionale delle donne rurali è stata celebrata ieri, sabato 15 ottobre. Confagricoltura Piemonte ha diffuso, proprio ieri, alcuni dati relativi allo stato dell'arte di quelle che si potrebbero definire quote rosa dell'agricoltura. Le imprese agricole attive al femminile, nella nostra Regione, sono il 27.9% del totale.

Si afferma sempre più il ruolo delle donne in agricoltura, impegnate a pieno titolo nel primario, come conduttrici d’azienda e più che raddoppiate, soprattutto grazie all’impegno delle più giovani, nelle società di capitali e di persone”, spiega Alessandra Oddi Baglioni, presidente di Confagricoltura Donna, analizzando il trend positivo degli ultimi anni.

"Il ruolo della donna cresce di importanza"

Orientate verso la diversificazione e la multifunzionalità, in azienda, il ruolo della donna cresce di importanza dove all’attività agricola tradizionale si associano altri servizi, come per esempio l’ospitalità negli agriturismi, nelle fattorie didattiche o più semplicemente nelle aziende che praticano la vendita diretta” conferma Paola Sacco presidente di Confagricoltura Donna Piemonte e di Confagricoltura Alessandria, conduttrice di un’azienda agricola di circa 270 ettari, col marito e la figlia.

La percentuale di donne che hanno fatto richiesta e beneficiato della misura sulla diversificazione” dice Lella Bassignana Presidente di Agripiemonteform (Ente per la formazione professionale di emanazione della Confagricoltura del Piemonte) di Confagricoltura – “è superiore rispetto a quelle degli imprenditori confermando l’attitudine delle imprenditrici per le attività rurali non prettamente tradizionali, che richiedono competenze nel gestire il rapporto con il pubblico e nel formulare un’offerta più composita delle proprie attività. Le imprenditrici non solo si rilevano “più smart”, “più green”, “più inclusive”: l’utilizzo delle rilevazioni aeree via satellite, con i droni e le etichette parlanti capaci d’individuare la provenienza dei prodotti, produzioni di agroenergie, nel biologico, le aziende sociali”.

Decidere di investire per sviluppare l’imprenditoria femminile, conclude Lella Bassignana, significa anche impegnarsi per accrescere opportunità, ridurre il divario di genere, conciliare i tempi di vita con il lavoro ripensando ai servizi di sostituzione”.

Seguici sui nostri canali