Turismo

Le telecamere di La7 registrano una puntata a Orta

Secondo il presidente del Distretto dei laghi è stata un'occasione importantissima per il rilancio

Le telecamere di La7 registrano una puntata a Orta
Attualità Borgomanero, 20 Giugno 2021 ore 09:55

Le telecamere di La7 hanno registrato una puntata del programma "Bell'Italia in viaggio", che andrà in onda il prossimo 4 luglio.

Le telecamere in azione a Orta

E' con grande favore che il sindaco di Orta e tutta la sua giunta hanno accolto la notizia dell'arrivo in paese di una troupe di La7. Nei giorni scorsi infatti, è stata registrata a Orta una puntata del programma "Bell'Italia in viaggio". "Un luogo magico e bellissimo del nostro territorio che tutto il Paese merita di conoscere o riscoprire”. Così il Presidente del Distretto Turistico dei Laghi Francesco Gaiardelli all'indomani delle riprese che porteranno il Lago d'Orta alla ribalta del pubblico de La7 con il programma Bell'Italia in Viaggio, condotto da Fabio Troiano, che in dieci tappe “racconterà le eccellenze del nostro paese attraverso la sua bellezza paesaggistica, culturale e artistica”.

Protagoniste in video le bellezze del paese

Il sindaco Giorgio Angeleri e il presidente del Distretto Francesco Gaiardelli sono stati intervistati dal conduttore, mentre non sono mancati gli approfondimenti sugli scorci più suggestivi del borgo medievale di Orta e dell'Isola di San Giulio, con la Basilica e l'itinerario dedicato al silenzio e alla meditazione “che è anche l'emblema di una forma di un turismo di qualità: attento, di rispetto, innamorato dell'arte e del bello. Ed è ciò che questi luoghi saldi nel tempo meritano - commenta Gaiardelli - il primo e più sentito ringraziamento debba essere rivolto al sindaco di Orta Angeleri, senza il quale non si sarebbe potuto realizzare un così bel servizio. Sarà un assist fortissimo per la ripartenza del turismo in uno scenario profondamente rinnovato dopo l'emergenza pandemica. Allo stesso modo vanno ringraziati VisitPiemonte, per la gestione organizzativa, e l'Unione Turistica Lago d'Orta presieduta da Oreste Primatesta che come sempre ha dato il massimo supporto”.

Un'occasione per ripartire con il turismo

Secondo il presidente Gaiardelli, la puntata avrà “ricadute importanti sia sul lago d'Orta che sui territori vicini, e questo conferma la fondamentale importanza delle politiche di comprensorio che stanno alla base dell'azione del Distretto dei Laghi: una realtà sui territori, dei territori e per i territori chiamata a fare sistema. Identità e differenze rappresentano una risorsa da mettere a disposizione ai turisti che, sul territorio, debbono aver modo di comprendere la facilità con cui ci si può muovere da un luogo all'altro del nostro sistema tripolare, fatto dai laghi Maggiore e di Mergozzo, dalle Alpi e Valli dell'Ossola e dal Lago d'Orta. Un contesto di bellezze e risorse uniche al mondo che dobbiamo saper comunicare in uno scenario profondamente mutato dopo la tempesta globale della pandemia. Sono felice che tra i “punti di ripartenza” ci sia la valorizzazione del lago d'Orta in uno dei prosceni televisivi di maggior valore”.  Il paese si trova anche alla fase iniziale di una stagione “che in queste settimane sta, per fortuna, accelerando anche sul fronte degli arrivi dall'estero, in attesa del green pass vaccinale europeo che dovrebbe dare maggiori possibilità di movimento. Ovviamente, anche per il 2021 contiamo molto sul turismo di prossimità e, su questo, abbiamo indicatori positivi. La vicinanza con Milano e Torino premia certamente chi, da queste città metropolitane, visita i laghi per una vacanza breve o anche per una semplice “toccata e fuga”: abbiamo lavorato molto sul fronte promozionale – entrando con le immagini dei nostri laghi anche nei mezzi pubblici delle due città – e ora speriamo di raccoglierne i frutti, dopo l'anno più difficile di sempre. E' il momento di fare squadra, ora più di prima, e ripartire insieme, consapevoli di dover tornare il prima possibile – da protagonisti – anche nei maggiori eventi fieristici rivolti al mercato europeo e mondiale”.