Torino

Mamma degenere posta i video porno della figlia 15enne: rinviata a giudizio

Utilizzando la piattaforma Periscope, che cancella i contenuti dopo 24 ore, vendeva i link per accedere alle performance sessuali della ragazzina.

Mamma degenere posta i video porno della figlia 15enne: rinviata a giudizio
Attualità 06 Maggio 2021 ore 11:00

A processo la mamma degenere che metteva online i video porno della figlia 15enne che faceva sesso con un ragazzo, come riportano i colleghi di primatorino.it. La scabrosa vicenda (che risale al 2019) è tornata di attualità perché il giudice per le indagini preliminari Francesca Christillin ha ritenuto valida la tesi accusatoria proposta dal pubblico ministero Lisa Bergamasco, disponendo il rinvio a giudizio dell’imputata (la madre degenere appunto).

Italiana e torinese di 46 anni

Secondo l’accusa la donna, italiana e torinese di 46 anni, riprendeva la figlia adolescente mentre aveva rapporti sessuali con un ragazzo più o meno della sua età (forse il suo fidanzatino dell’epoca) e poi postava i video sulla piattaforma Periscope. Si tratta di un luogo virtuale, diretta emanazione di Twitter che ne ha acquisito i diritti dal 2015, dove si possono mettere i video di ogni tipo che poi si auto-cancellano dopo 24 ore. Per arrivare ai contenuti serve il link del video caricato, che può essere segnalato, condiviso oppure al limite anche venduto. Proprio questo era lo scopo dell’esecrabile progetto messo in atto: vendere i video porno della minorenne, video che poi si sarebbero cancellati automaticamente dopo un giorno.

Tutti i coinvolti erano consenzienti: la madre, la ragazzina, il suo partner ed ovviamente gli acquirenti. La compravendita veniva pattuita volta per volta e i prezzi erano diversi a seconda delle scene. Il video più costoso era arrivato a valere 1.500 euro, ma altri ne erano circolati per molto meno.

Video pagati in buoni Amazon

Alcuni furono pagati perfino in buoni acquisto Amazon. I reati contestati sono molto gravi: induzione alla prostituzione, pornografia minorile e diffusione di materiale pedo-pornografico. La mamma degenere rischia ora una “mazzata” processuale che potrebbe arrivare anche a 10 anni di reclusione (più una sanzione penale fino a 240mila euro). Il pm Bergamasco, titolare dell’inchiesta, ha preferito non prendere posizione e non ha rilasciato dichiarazioni in merito alla scabrosa vicenda. Il processo comincerà a inizio novembre 2022 e fino ad allora nessuno dei coinvolti deve sottostare a restrizioni di alcun genere.

La ragazza, che ha una sorellina più piccola, è stata allontanata dalla madre con provvedimento del Tribunale dei minori. La segnalazione “fatale” alla Procura è arrivata dal padre (separato) della ragazzina. Di questa mamma che postava i video porno della figlia minorenne si era occupata in passato anche la trasmissione televisiva “Le Iene”.