Attualità
Novità

Mascherina obbligatoria anche all'aperto a Baveno durante le manifestazioni

Il sindaco: "Tuteliamo al massimo noi stessi, i nostri cari e i più fragili"

Mascherina obbligatoria anche all'aperto a Baveno durante le manifestazioni
Attualità VCO, 30 Novembre 2021 ore 09:28

Mascherina obbligatoria a Baveno in vista delle manifestazioni natalizie che caratterizzano il prossimo periodo. E' questa la decisione del Comune.

La mascherina sarà obbligatoria

Il provvedimento è di questi giorni e riguarda le manifestazioni in programma dalla prossima settimana nella cittadina sul lago Maggiore. L'amministrazione ha infatti deciso di rendere obbligatoria la mascherina nel corso delle iniziative che saranno organizzate in città.

La scelta del Comune

"In vista delle prossime iniziative natalizie programmate dal Comune di Baveno - scrivono dal Comune - che vedono la Città coinvolta, con la possibilità per i cittadini di usufruire liberamente degli eventi e il conseguente incremento delle presenze, si è ritenuto indispensabile adottare misure di prevenzione legate alla pandemia da Covid 19. Per questo da sabato 4 dicembre sino a domenica 2 gennaio 2022, come da calendario degli eventi programmato e diffuso da questa Amministrazione (visibile sul sito Baveno Tursimo Benvenuti - Baveno Turismo), sarà obbligatorio indossare dispositivi individuali di protezione delle vie respiratorie (le mascherine) anche all’aperto, all’interno delle aree oggetto di manifestazione e nelle loro immediate vicinanze. L’accesso alle aree oggetto delle manifestazioni è consentita solo a coloro che sono in possesso di certificato verde (green pass)".

Le parole del sindaco Monti

"Una scelta – sottolinea il sindaco Alessandro Monti – a tutela della salute di tutti e per provare a limitare i contagi permettendo comunque di avere un Natale ricco e aperto, senza le restrizioni dell’anno scorso. Rimettiamoci la mascherina il più possibile, continuando la campagna vaccinale per tutelare al massimo noi stessi, le persone a noi care e i più fragili che non possono farlo”.